Figo: “Sono andato all’Inter perché cercavo la felicità nel calcio. Ho avuto la fortuna…”

L’ex giocatore nerazzurro ripercorre le tappe più importanti della sua lunga carriera

di Gianni Pampinella

Per Luis Figo uno dei momenti cruciali della sua carriera, fu il tanto discusso passaggio dal Barcellona al Real Madrid. Ma nella lunga carriera del portoghese di trasferimenti importanti ce ne sono stati anche altri: “Quando fai un cambiamento, pensi sempre che sarà il meglio. Il primo grande cambiamento logico che feci fu quando lasciai il Portogallo per la Spagna, ero molto giovane e l’ho fatto per provare una nuova esperienza che mi desse più prestigio. Il secondo perché ero in cerca di riconoscimenti, cercando di migliorare in tutti gli aspetti: economici, di prestigio, titoli… E l’ultimo, all’Inter, cercavo la mia felicità nel calcio“. Parlando di allenatori, il portoghese non riesce a scegliere quello che lo ha segnato di più: “Ho avuto la fortuna di allenarmi con Cruyff, che per me è stato un maestro in termini di filosofia e concetti. Queiroz è stato il mio allenatore in nazionale. Ho avuto anche del Bosque o Mourinho all’Inter, è difficile sceglierne uno perché sono stati tutti importanti per me“.

(Marca)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy