Ganz: “Io uno dei primi acquisti di Moratti, ma l’Atalanta è tutto. Oggi mi aspetto…”

Ganz: “Io uno dei primi acquisti di Moratti, ma l’Atalanta è tutto. Oggi mi aspetto…”

Il doppio ex di Inter-Atalanta ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport

di Daniele Vitiello, @DanViti

Maurizio Ganz è stato intercettato dai colleghi della Gazzetta dello Sport per parlare di Inter-Atalanta di questo pomeriggio, partendo però dal racconto della sua esperienza con entrambe le maglie: «Per me l’Atalanta è stata tutto. Nel senso che lì ho davvero capito di essere diventato un vero professionista di livello. A Bergamo ho disputato la mia prima stagione in A, con 20 gol, per me c’è stato il lancio definitivo. Ho sempre sentito i tifosi accanto a me, nonostante tutto. Pensate che arrivavo da Brescia, dove ero stato capocannoniere di B: avete presente la rivalità che c’è tra le due città? Eppure sono stato accolto e aiutato come uno nato lì: quando mi sono infortunato al ginocchio, gli atalantini mi hanno ridato la forza per rialzarmi. Non per niente, a ogni festa della Dea mi acclamano. Negli anni atalantini ho anche raggiunto la Nazionale con le chiamate di Sacchi. E non ci arrivavano tutti…».

Poi si è fatta avanti l’Inter.

«Sono stato uno dei primi acquisti di Moratti, a Milano c’è stata la mia consacrazione ad alti livelli. Mi sono subito ritagliato il mio spazio, con 20 gol stagionali il primo anno. Con orgoglio posso affermare che a nessuno è stato dedicato un coro come “El segna semper lu”. E dire che gente di spessore ne è arrivata anche negli anni successivi: Ibrahimovic, Eto’o, Milito… Quel ritornello è soltanto per me, nessuno ha più avuto l’onore. Mi restano impressi i cinque mesi nei quali ho giocato assieme a Ronaldo, i più esaltanti della mia carriera. Il nostro Ronaldo, assieme a Messi e Cristiano, è stato tra i più grandi degli ultimi anni. Era impressionante per ciò che inventava in allenamento, ma soprattutto in partita. C’erano volte in cui mi dicevo: “No, questa giocata non gli riesce”. E poi stupiva tutti, noi e gli avversari. Quante botte prendeva, ma quanto ci divertivamo. Io mi adattavo a lui, facevo anche l’esterno destro. Eravamo una bella compagnia: Simeone, Winter, Djorkaeff, Branca, Zamorano, il giovane Zanetti. La vera, grande delusione fu perdere la Coppa Uefa 1996-97. Con 8 gol in 10 gare ero il miglior marcatore, nella finale di ritorno a Milano con lo Schalke 04 colpii la traversa nei supplementari, perdemmo ai rigori, io non lo tirai neppure… Andai bene all’Inter, tanto che mi chiamò il Milan: sarà stato di transizione, ma vinse uno scudetto».

Che sfida sarà Inter-Atalanta?

«Mi aspetto una bella partita. La sconfitta del Milan dà a tutte e due la possibilità di staccare una diretta concorrente. Dell’Atalanta mi piace Gomez. Seguo con interesse Petagna: giocava con mio figlio, ha fatto enormi progressi. E poi Kessie, Caldara: fanno parte del club che con i giovani esprime il miglior calcio, il merito è di Gasperini. E di Percassi. Quando tutto girava male, il presidente ha confermato la fiducia al tecnico ed è stato ripagato. E ancora non abbiamo visto tutto».

Chi la colpisce nell’Inter?

«Icardi è straordinario. Prima giocava per se stesso, ora è un vero uomo-squadra. Non era facile per lui, dopo gli scontri con gli ultrà. È stato bravo Pioli a rimettere tutto a posto. Adesso l’Inter ha una sua identità, anche nello spogliatoio: è un gruppo di talento. A San Siro ci sarà una gara aperta a tutti i risultati, spero di vedere un grande spettacolo».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy