FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Italia, Gravina: “Rivedere calendario Serie A? Ci proveremo ma è complicato”

Getty Images

Il numero uno della Federcalcio ha parlato della mancata qualificazione della Nazionale ai Mondiali e dei play-off

Eva A. Provenzano

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, al termine del consiglio federale ha parlato della possibilità di rivedere il calendario della Serie A in vista degli impegni della Nazionale italiana di marzo. La formazione di Mancini dovrà affrontare i play-off: 12 squadre in ballo, divise in tre gironi, solo tre arriveranno a Qatar2022. Si è parlato della possibilità di cambiare i calendari in vista degli impegni dell'Italia.

Il numero uno della Federazione ha spiegato: «È dura. Con tutta la massima volontà ci proveremo, ma la vedo molto complicata. Il 30 gennaio è al momento l'unica finestra disponibile. Già stamattina abbiamo chiesto alla Lega di A di fare qualche riflessione con noi ma ad oggi sono abbastanza incartati come noi».

Il presidente guarda con ottimismo agli spareggi di marzo: «Non buttiamo la croce addosso a questi ragazzi e torniamo a essere speciali per vincere i playoff. Se restiamo normali, la vedo complicata. Manciniin aereo mi ha chiesto: 'come stai? Io gli ho detto che sto bene'. Vivo il mondo del calcio da tantissimi anni e ho avuto la netta consapevolezza di considerare questa squadra speciale, perché pur essendo una squadra normale è stata in grado di fare qualcosa di straordinario. Non possiamo competere con altre corazzate, siamo una squadra normale che ha fatto qualcosa di straordinario come vincere un Europeo. Alcuni episodi ci hanno dato ragione, ora gli stessi episodi ci sono andati contro in due partite chiave e se ti giochi due jolly fai fatica. Noi abbiamo pagato questo prezzo. Ma resto ottimista. Io ci voglio andare al Mondiale, non sono mica un folle, pur sapendo che è molto più complicato rispetto a prima. Ha ragione Mancini, se lo guadagniamo a marzo con grandi sacrifici e difficoltà forse arriveremo al Mondiale con maggiore consapevolezza».

(Fonte: Askanews)

tutte le notizie di