Hernanes: “Il miglior Profeta alla Lazio. Rimpianti Inter? Il ruolo. Stasera all’Olimpico…”

Hernanes: “Il miglior Profeta alla Lazio. Rimpianti Inter? Il ruolo. Stasera all’Olimpico…”

L’ex giocatore di Lazio e Inter ha parlato del suo passato, ma anche della sfida di questa sera

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Questa sera saranno di fronte Lazio e Inter all’Olimpico. Un ex di entrambe le formazioni, Hernanes, ha parlato della gara di questa sera a La Gazzetta dello Sport:

«Niente tifo, me la godrò da spettatore. Vinca il migliore. Il mio top è stato a Roma, a Milano chiusi alla grande. Ho nel cuore ogni momento passato in Italia, Juve compresa. Cina? All’inizio ho avuto qualche infortunio, ora sono felice».

Hernanes, da che parte sta?
«Ho più affetto per i biancocelesti, lì diedi il meglio. All’Inter chiusi in crescendo. L’ultimo periodo da numero 10 andò alla grande con Mancini in panchina: fu il motivo che spinse la Juventus a scegliermi».

Anche a Torino, però, raramente giocò nel suo ruolo.
«Feci poche gare dietro le punte, ma mi trovai bene con tutti. Scudetto e Coppa Italia vinti: fu un’esperienza importante».

Inter e Juve: ha qualche rammarico?
«Solo il ruolo. Le mie qualità migliori sono dribbling e tiro, difficile essere decisivo lontano dalla porta. Il miglior Hernanes è quello di Roma».

Dove oggi c’è Lazio-Inter.
«Match spettacolare. La Lazio gioca in casa e vorrà prendersi la rivincita dopo il k.o. di maggio, l’Inter deve ripartire dopo Barcellona. Entrambe stanno facendo bene, possono deciderla i giocatori di valore».

Come Milinkovic e Brozovic.
«Forti e per certi versi simili. Sergej è completo: fisico, tecnico, bravo di testa, fa gol e serve assist. Marcelo ha meno “chili” ma più visione di gioco. E pure lui segna e fa segnare».

Il serbo è una delle tante scoperte di Lotito e Tare.
«Grande lavoro collettivo, hanno preso tanti semisconosciuti diventati poi big. Una Lazio così non sorprende. Bravi tutti, compreso Simone Inzaghi».

Tra lei e il presidente ci fu qualche incomprensione.
«Ma lo ringrazierò sempre. Lo stesso vale per Calveri (segretario generale, ndr) e Tare. Prima di andar via, lo incontrai nel suo ufficio. Parlavo e piangevo…».

L’Inter può lottare per il titolo?
«La rosa è forte, ma la Juve è di un altro livello. Dipenderà anche dall’Europa, magari Spalletti rosicchierà qualcosa… La Juve è tra le favorite in Champions: c’è maggior convinzione e un Ronaldo che porta tanto in termini tecnici e di personalità, ma occhio alle altre».

Lei cosa farà da grande?
«In Cina ho un contratto fino al 2019. Sono troppo innamorato del campo per pensare al dopo. Giocherò a lungo. Il mio futuro sarà meraviglioso».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy