FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Inter, Lautaro a caccia del gol: col Napoli vuole cambiare passo. Con Spalletti…

Inter, Lautaro a caccia del gol: col Napoli vuole cambiare passo. Con Spalletti…

Lautaro Martinez non segna da oltre un mese con la maglia dell'Inter: il 'Toro' vuole sbloccarsi contro l'ex Spalletti

Alessandro De Felice

Oltre un mese a bocca asciutta. Lautaro Martinez non va in gol dal 15 ottobre scorso, quando realizzò la rete decisiva nel successo per 1-0 dell'Argentina sul Perù. L'ultimo sigillo con la maglia nerazzurra risale al 2 ottobre, con il rigore al Sassuolo, una settimana dopo la prodezza su azione nel 2-2 contro l'Atalanta.

Poi nessun gol in 7 gare con l'Inter e 2 con la Seleccion. Un digiuno che poteva essere interrotto nel derby se Tatarusanu non avesse respinto il calcio di rigore del 'Toro'.

 Getty Images

Il Corriere dello Sport sottolinea quanto siano mancate le reti di Lautaro alla squadra di Inzaghi in alcune partite:

"Le sue polveri bagnate, evidentemente, hanno penalizzato anche l’Inter. Oltre alla stracittadina con il Milan, infatti, c’è stata la scena muta con la Juventus. Un’altra gara che la banda di Inzaghi ha condotto, per poi farsi recuperare nel finale. Un secondo gol, oltre a quello iniziale di Dzeko, avrebbe prodotto un esito differente. Ma Lautaro è stato soffocato dai difensori bianconeri. Mentre, tra Empoli, Udinese e il doppio confronto con lo Sheriff, l’argentino è stato fermato dall’eccesiva foga, dall’imprecisione oppure da un pizzico di sfortuna. Volendo, l’ulteriore problema è che, nelle stesse 7 gare tra la seconda e la terza sosta, anche le polveri di Dzeko si sono “inumidite”: solo 2 centri, contro i 6 nelle 9 uscite precedenti".

 Getty Images

Lautaro, che ha già segnato 3 gol in 8 partita al Napoli, ritrova da avversario Luciano Spalletti:

"Prima dell’esplosione del caso Icardi, infatti, il tecnico toscano riservava a Lautaro solo qualche spicciolo di gara, limitando al minimo le occasioni in cui lo affiancava al connazionale. Più volte l’argentino si è dovuto mordere la lingua. Come invece, in un frangente, non è riuscito a fare il padre Mario. Beh chissà che domenica non riesca a parlare con i goal..." conclude il quotidiano.

tutte le notizie di