Inter-Milan, un derby da 1177 milioni. Con Elliott la ripresa rossonera, rosa da 534 milioni

Inter-Milan, un derby da 1177 milioni. Con Elliott la ripresa rossonera, rosa da 534 milioni

Domenica sera l’Inter affronterà la squadra di Gattuso a San Siro

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Saraà un derby spettacolare quello tra Inter e Milan di domenica sera. In campo da una parte Suning e dall’altra Elliott, in campo ci saranno 1177 milioni: da una parte il valore della rosa dei nerazzurri è di 643 milioni, dall’altra quello dei rossoneri da 534 milioni. Dopo la parentesi cinese, il Milan è ora passato nelle mani di Elliott che ha presentato un impegno a medio-lungo termine.

Come si legge su La Gazzetta dello Sport “Ovvero 3-5 anni, come ha ribadito anche il presidente rossonero Scaroni qualche settimana fa. L’effetto Elliott – ovvero un Milan percepito come finalmente in mani sicure e solide – si è fatto sentire subito: l’effetto più evidente è stato la riammissione alle coppe europee, passando per la dirigenza – ci voleva Singer per convincere Maldini a tornare «a casa», inserendolo in un organigramma che si basa su due manager di alto profilo come Paolo Scaroni e Ivan Gazidis – e infine il denaro immesso nel club per riassestarlo. Parliamo, fino a questo momento, di un aumento di capitale pari a circa 170 milioni, divisi in tre tranche: 21 ad agosto, 30 a settembre e 119 tra fine settembre e inizio ottobre, finalizzati al rimborso dei due bond alla Borsa di Vienna”.

Continua il quotidiano: “Anche il mercato è stato apprezzato dalla piazza. Sebbene nell’ambito di un’operazione basata su una congiuntura particolarmente propizia, sono arrivati Higuain e Caldara, e per gennaio è già stato chiuso Paquetà. Si semina per il futuro. Un chiaro segno della volontà di investire. Elliott ha evidentemente tutto l’interesse a valorizzare al massimo il club, nella prospettiva di una cessione che arriverà solo alle condizioni migliori possibili per tutti (non è un modo di dire: stiamo parlando di una realtà che dal 1977, anno di fondazione, ha fatto registrare un rendimento medio annuo composto del 13,5%). In poche parole il Milan è tornato a essere un club che attrae, che ha riacquistato credibilità, e lo sta facendo senza usare il megafono. A Elliott sono abituati a lavorare così: concretezza sottotraccia”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy