Libero – Inter stritolata dalla tensione: eliminata per errori sul mercato e mancanza di coraggio

L’editoriale di Libero dopo il ko dell’Inter contro il Barcellona e l’eliminazione in Champions League

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

L’Inter fallisce l’appuntamento con la prima prova di maturità. La formazione nerazzurra di Conte, che come scrive Libero “con la Coppa non trova ancora feeling“, era chiamata a vincere per continuare il cammino in Champions League ma le reti di Perez e Ansu Fati la condannano all’Europa League.

È mancata l’Inter e il suo spirito operaio. È come se la squadra di Conte fosse stata stritolata dalla tensione – si legge nell’editoriale di Libero -. C’è stata meno cattiveria in ogni contrasto. Non è un eccesso di rispetto nei confronti del Barcellona, altrimenti l’Inter l’avrebbe avuto anche all’andata, quando invece giocò un’ora di grande calcio: è un problema di serata, un calo di personalità nel momento decisivo in cui era obbligata a vincere e doveva essere all’altezza della sua responsabilità“.

A pesare ancora una volta le assenze e un mercato estivo forse non impeccabile: “L’Inter dipende da Lautaro e Lukaku, non solo nei gol ma nel gioco,ha bisogno di recapitare molti palloni in attacco, di sollecitarli, di obbligarli ad entrare in partita ma vanno messe nel conto del lavoro in funzione di un centrocampo troppo leggero. Vecino e Borja Valero sono stati infatti un dazio, soprattutto perché insostituibili. Se arrivi alla partita decisiva con questi giocatori, e questi soltanto, vuol dire che c’è stata sfortuna ma anche qualche errore nella costruzione della rosa. Conte ha anche inserito ciò che aveva, per non avere rimpianti, ma aveva poco o nulla. L’uscita dell’Inter è il risultato di una mancanza di coraggio e di alternative, vuol dire che deve ancora crescere la squadra ma anche la società nel rinforzare la squadra stessa“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy