Lippi: “Ripresa solo quando è tutto risolto. Quando si muove una squadra si spostano 60 persone”

L’ex ct della Nazionale ha parlato della possibile ripresa del campionato dopo l’emergenza Coronavirus

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Intervenuto alla trasmissione radiofonica Un giorno da pecora, l’ex ct della Nazionale Marcello Lippi ha parlato della possibile ripresa del campionato dopo l’emergenza Coronavirus:

 “Se credo che si possa riprendere a maggio? Me lo auguro con tutto il cuore, vorrebbe significare che è finito il problema. Mi auguro che abbiano l’intelligenza e la saggezza di ricominciare solo quando tutto è risolto perché riprendere il campionato comporta una serie di problemi che vanno al di là delle porte chiuse o dei campi neutri. Quando si sposta una squadra ci sono di mezzo 60 persone, pullman, alberghi…”.

Sulla quarantena: “Mi sono riguardato tutte le partite del Mondiale 2006 e poi le finali che ho fatto. Quella che mi ha lasciato più l’amaro in bocca è quella di Champions a Manchester, persa ai rigori contro il Milan. Quante volte ho rivisto la finale di Berlino? La rivedo spesso, l’avrò rivista una ventina di volte. Finisce sempre bene per noi”.

CorSera – Salta la Serie A? Ecco la classifica: 2 in B, Verona in EL. Scudetto e coppe decisi così

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy