Manicone: “Sono legato a Moratti. Serve gente come Ausilio, tornerei con Petkovic”

L’ex calciatore nerazzurro ed attuale viceallenatore di Petkovic nella Svizzera ha parlato dei suoi ricordi in nerazzurro

di Fabrizio Longo, @FabriJZLongo

In un’intervista doppia concessa a La Gazzetta dello Sport, Pietro Manicone e Paolo Tramezzani hanno parlato anche del periodo nerazzurro, il cui apice di felicità è stata la conquista della Coppa Uefa nel 94. Ecco le parole di Manicone

All’Inter due anni intensi: scudetto sfiorato e Coppa Uefa.

Sono arrivato a novembre: Milan in fuga, lo scudetto sembrava assegnato. Abbiamo fatto una rimonta incredibile, col gruppo e un tecnico speciale come Bagnoli. Il pari nel derby di ritorno ci ha impedito il sorpasso

Come vedete l’Inter dei cinesi? Se vi chiamassero?

È speciale: sono cresciuto coi colori nerazzurri. Spero che la nuova proprietà abbia voglia d’investire affidandosi a dirigenti come Ausilio. I cinesi non potranno uguagliare la passione di Moratti o Pellegrini, a cui sono legato. Tornerei di corsa, ma con Petkovic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy