Mazzola: “L’Inter ti fa crescere come uomo e come calciatore. Prima della finale…”

Mazzola: “L’Inter ti fa crescere come uomo e come calciatore. Prima della finale…”

La bandiera dell’Inter ha ricordato alcuni passaggi della sua carriera in nerazzurro

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Mazzola

Questa sera l’Inter comunicherà i primi giocatori che entreranno a far parte della Hall of Fame nerazzurra. Tra i candidati c’è anche Mazzola, ex bandiera interista, che nel giorno dei 110 anni del club ha voluto ricordare la sua storia in nerazzurro: “Questo club cerca sempre di farti diventare grande come uomo e come calciatore. Chi veste la maglia nerazzurra e chi la tifa lo tenga bene a mente. Il ricordo più bello dell’Inter è quando da ragazzino, dopo aver superato il provino, mi diedero la valigetta di metallo con le due strisce oblique: una nera e una azzurra. La valigetta era speciale. Passavamo con quella per andare ad allenarci a Rogoredo e sentivamo la gente dire: “Guarda, ci sono i giocatori dell’Inter”. Eri orgoglioso di farne parte. Angelo Moratti era un padre. Allodi mi diceva di non mollare l’università, Herrera mi faceva fare la dieta, ma io ero mingherlino e Suarez mi rimpinzava in camera. La sera della finale di Coppa Campioni con il Real Madrid ero vicino Di Stefano e lo guardavo come un dio, il dio del calcio. Stavo impalato, tutti entrano e io fermo. Suarez mi vede e dice: “Noi andiamo a giocare la finale, tu che fai vieni?”»

 

 

(Corriere della Sera)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy