Mertesacker: “Troppe pressioni, meglio la panchina. Vomito e diarrea per le aspettative!”

Il racconto del difensore tedesco sulle pressioni che subisce un giocatore nell’arco della sua carriera

di Gianni Pampinella

Petr Mertesacker, difensore tedesco dell’Arsenal che appenderà le scarpette al chiodo la prossima stagione, ha raccontato a Der Spiegel i problemi con la pressione subita da un giocatore in alcuni momenti della sua carriera. “Siamo privilegiati, ma c’è un punto in cui tutto diventa un peso, in questo momento c’è troppa pressione, preferisco stare in panchina e anche sugli spalti“, dice. 104 presenze con la nazionale tedesca, Mertesacker racconta dei suoi problemi a causa della pressione che ha sofferto prima delle partite. “A causa delle aspettative delle persone, vomitavo o avevo la diarrea prima della partita. E’ come se simbolicamente il mio corpo avesse detto ‘questo è rivoltante. Una volta inghiottii così tanta bile che mi lacrimavano gli occhi“. Mertesacker spiega che il suo peggior momento è stato durante i Mondiali in Germania del 2006: Ovviamente ho pianto per la nostra eliminazione contro l’Italia in semifinale, ma mi sono sentito sollevato, lo ricordo come se fosse oggi, pensavo che era finita, è finita, è tutto finito“.

(Marca)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy