Mondiali, Sconcerti e l’11 di tutti i tempi: Pelé capitano, in panca il nerazzurro che…

LA formazione di tutti i tempi secondo il giornalista del Corriere della Sera

di Redazione1908

Tarcisio Burgnich

Burgnich

“È stato il miglior difensore quando c’erano i migliori attaccanti. Marcava Gigi Riva. Una volta disse che quando lo vedeva apparire oltre la metà campo, gli sembrava la migrazione di un popolo. Uomo contro uomo, nessuno è stato più forte di Burgnich al mondo né prima, durante o dopo. Era elementare e silenzioso, come fosse nato sapendo che cosa fare su un campo davanti ad un avversario. Non era il migliore, ma era la base, il primo uomo indispensabile per fare una grande squadra. Ha commesso un errore: ha lasciato a Pelé trenta centimetri sul colpo di testa dell’uno a zero del Brasile contro l’Italia nella finale del 1970”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy