Mura: “Conte docente di motivazioni. Lautaro sa fare tutto, ha giocato a basket e si vede”

Mura: “Conte docente di motivazioni. Lautaro sa fare tutto, ha giocato a basket e si vede”

Il giornalista ha parlato su Repubblica del sorpasso dell’Inter alla Juve e della grande prestazione di Lautaro contro la Spal

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Sul sorpasso dell’Inter alla Juve e sull’ennesima grande prestazione di Lautaro Martinez ha parlato il giornalista Gianni Mura sulle pagine de La Repubblica:
“La parola del giorno, nella domenica del sorpasso interista in cima alla classifica, è motivazioni. Quanto a motivazioni, alla Juve dovrebbero saperlo, Conte è libero docente. E Sarri non è scarso, ma nel pallido pareggio interno col Sassuolo c’è anche altro. Il punto in più dell’Inter, al di là della soddisfazione per il sorpasso, non significa molto. Volata a due era e resta. Con una possibilità d’inserimento per la Lazio, ormai quasi fuori dall’Europa. Venerdì Inter-Roma, sabato Lazio-Juve. Immobile (17 gol con 6 rigori) ha segnato gli stessi gol di Lukaku (9) e Lautaro (8) con 5 rigori in due. Mentre il Sassuolo ha affrontato spavaldamente la Juve, la Spal s’è fatta coraggio in ritardo e l’Inter ne ha approfittato. Lautaro merita un discorso a parte. Continua a crescere, continua a segnare, raddoppia la sua utilità, sa fare di tutto. A parte l’intesa fraterna con Lukaku, in rapporto ai suoi 22 anni ha una notevole maturità tattica, sa suggerire l’azione come smarcare il compagno. Ha tiro da fuori, è forte di testa anche se non altissimo (1.74). Fino a 15 anni ha giocato anche a basket e a qualcosa gli è servito. La rapidità di riflessi, per esempio. È nato a Bahia Blanca, come Manu Ginobili. Piace a tutti, in Argentina e fuori: Sampaoli, Ardiles, Bochini. E Messi lo vorrebbe al Barça al posto di Suarez. L’Inter lo ha pagato 25 milioni e ha fatto un affarone. Clausola di rescissione a 111. Ma uno così è meglio tenerselo stretto”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy