FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Nasri: “Guardiola? Mi voleva e mi ha preso a calci nel c..o. Impone che il sesso sia…”

Samir Nasri, asso francese in prestito al Siviglia dal Manchester City, ha raccontato alcuni retroscena sulla figura di Pep Guardiola. Dal rapporto tra i due ad una curiosa regola sul sesso...

Dario Di Noi

"L’asso francese del Siviglia, Samir Nasri, ex Arsenal e Manchester City, si è concesso in un’intervista molto originale al canale tv de 'L’Equipe'. Curiosi i retroscena legati alla figura di Pep Guardiola, severo in ogni ambito della vita di un professionista. Nasri, ad esempio, ha raccontato il divieto imposto da Pep sui rapporti sessuali dopo la mezzanotte…

"In questo modo, a suo dire, è riuscito ad ottenere il meglio da Leo Messi e da Robert Lewandowski. Questa la rivelazione di Nasri, in prestito al Siviglia ma ancora di proprietà del City: "Per Guardiola, l’attività sessuale dei suoi giocatori deve compiersi prima della mezzanotte, al fine di godere di una buona notte di sonno. Vuole che sia così anche quando l’indomani c’è un giorno libero. Lui dice di aver imposto questa regola a Messi, e da quel momento i suoi muscoli sono migliorati. Il mio rapporto con Pep in estate? Mi ha detto che ero un disastro, me lo ha detto più volte e mi ha anche preso a calci nel culo, letteralmente. Dopo essere rientrato dalle vacanze, per un po’ di relax dopo un anno pieno di infortuni e problemi personali, ero un po’ fuori forma. Non tanto quanto è stato detto, ma un po’ sì, più o meno 4 kg sovrappeso. Per Guardiola, oltre i 2,5 kg tu non ti alleni con il gruppo. Guardiola mi ha detto che con le mie qualità non sarei dovuto essere al City: sarei dovuto essere al Barcellona. Abbiamo avuto diverse discussioni, voleva che rimanessi e giocassi per lui. Gli ho risposto di no, perché non poteva garantirmi un posto in squadra e io volevo giocare. Mi ha detto che secondo lui stavo facendo un errore, ma ho ancora due anni di contratto".

"(Sun Sport)

tutte le notizie di

Potresti esserti perso