Nicchi: “Ripartire? Siamo pronti. Il VAR ci sarà, le mie frasi sono state male interpretate”

Il presidente dell’AIA apre alla ripresa dei campionati

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, ha parlato a La Gazzetta dello Sport della possibilità di riprendere i campionati: “Di arbitri in queste settimane non ha parlato quasi nessuno. Ma se ci saranno le condizioni per ripartire saremo pronti. Abbiamo fatto le cose per bene, senza aver avuto il bisogno di sbraitare o straparlare sui giornali o nelle riunioni istituzionali dove in qualche caso sembravamo non esistere… Mentre una cosa dovrebbe essere chiara a tutti: senza l’arbitro non si gioca“.

I “suoi” arbitri sono pronti?
Si lo sono e lo dico con orgoglio. Di noi si parla sempre poco e quasi sempre in negativo, magari per un fallo non fischiato che si vede solo dopo 10 moviole, e si dimentica che la nostra è una struttura imponente e che funziona. Siamo un motore indispensabile del calcio e mi lasci dire che oggi siamo un paio di mesi avanti a tutti. Come Aia siamo vicini a tutti i nostri 33 mila iscritti e ogni sera ci preoccupiamo di mandarli a letto tranquilli: facciamo riunioni quotidiane, video e telefoniche, e con i presidenti di sezione cerchiamo di risolvere i problemi. Tutti gli arbitri si sono allenati in questo periodo seguendo tabelle personalizzate preparate in base alle singole esigenze e alle situazioni logistiche e alle disponibilità di spazio. E parlo di tutti gli iscritti non solo dei fischietti di A. Su di loro comunque il designatore Rizzoli mi ha garantito che sono in buone condizioni“.

Se si riprenderà, lo si farà con la Var?
Sì, la società che si occupa di tutta la tecnologia ci ha assicurato che le stanze con le apparecchiature negli stadi saranno sanificate e si manterranno le distanze di sicurezza. Forse diminuirà il numero di persone: oggi sono sei, potrebbero essere meno, ma la Var ci sarà“.

Una sua dichiarazione su un’ipotesi di ripartenza senza Var aveva fatto discutere…
Torniamo al discorso iniziale delle polemiche e degli sciacalli… Avevo solo detto che bisognava valutare bene i termini di sicurezza. Siamo in una pandemia, come fossimo in guerra, e in certe situazioni si fa quello che si può. Se non fosse stato possibile utilizzare la Var? Avremmo deciso di non chiudere la stagione per questo?“.

Altro tema discusso: l’ipotesi di arbitri che dirigano nella città o regione di appartenenza.
È nostra intenzione scegliere gli arbitri più in forma per le partite più importanti senza vincoli geografici. Però partiamo da due presupposti: il primo è tutti i nostri arbitri offrono garanzie; il secondo è che arbitri e assistenti non viaggiano su pullman o charter come le squadre. Lo fanno per conto proprio con macchina, treno o aereo. Se possiamo permettere a un arbitro di raggiungere la partita di competenza senza attraversare mezza Italia non è meglio? Speriamo non ci sia bisogno di queste attenzioni, ma se ce ne fosse è giusto salvaguardare la salute. O vogliamo affermare che un arbitro professionista, se la pandemia lo rendesse necessario, non potrebbe arbitrare la squadra della propria città? Io questo lo rifiuto“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy