Padelli: “I portieri dell’Inter diventavano miei idoli. Ho iniziato da terzino, non ero male…”

Padelli: “I portieri dell’Inter diventavano miei idoli. Ho iniziato da terzino, non ero male…”

Il portiere dell’Inter ha parlato del suo sogno di vestire nerazzurro

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Il sogno di Daniele Padelli era di giocare con la maglia dell’Inter ed è riuscito a realizzarlo da qualche anno. Intervistato sul macthday programme dell’Inter, il portiere ha parlato del suo desiderio da piccolo e anche di San Siro:

INTER – “La mia ispirazione nel mondo del calcio ha sempre avuto la maglia nerazzurra. Tutti i portieri che giocavano per l’Inter diventavano automaticamente i miei idoli. Poi, certo, come giocatore di movimento non ho dubbi: Ronaldo il Fenomeno”.

TERZINO – “Ho iniziato terzino sinistro e non ero nemmeno così male. Ricordo le mie prime partite, nella squadra del mio paese. Eravamo inseriti in una categoria con bambini più grandi di noi e ogni volta si perdeva 4 o 5 a zero. Un giorno mio papà disse: ‘Chi di voi farà il primo gol avrà pizza e Coca Cola’. Ho fatto gol io…”.

SAN SIRO – “Casa dell’Inter. Mi emoziona a prescindere e credo che il nostro inno ci rappresenti al meglio. Sono in prima fila anche per i concerti. Ricordo l’ultimo di Vasco, un grande: ha una canzone per ogni emozione”. 

FAMIGLIA – “Sono il mio centro. Quando torno dal campo mi dedico a loro. O anche facendo sub; è un’attività che mi appassiona e leggo anche diverse cose su questa disciplina”. 

PASSIONE“Colleziono maglie da calcio fin da quando sono piccolo. Una delle prime che ho ricevuto è stata quella dell’Aberdeen, una squadra scozzese, una maglia davvero bella”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy