Patto Inter, Spalletti si è allineato a Marotta. Molti giocatori furibondi, ma nel giorno clou…

Il tecnico dell’Inter ha gestito a suo modo la situazione difficile insieme all’aiuto del dirigente

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Nella vittoria col Genoa c’è stato anche il marchio di Mauro Icardi, rientrato da titolare nell’Inter dopo la lunga assenza. Gol e assist per Perisic, proprio il compagno con cui, forse, il rapporto era più complicato.
“Mai Mauro Icardi e Ivan Perisic – le cui posizioni, all’interno dello spogliatoio, restano agli antipodi – avevano dialogato come a Marassi, mai Maurito aveva parlato così poco (anche quando i compagni non lo servivano a dovere) e mai l’argentino aveva lasciato andare un pallone senza comunque provare a fare uno scatto. Atteggiamento che lo ha accomunato allo stesso Perisic, a Brozovic (i due croati erano stati tra i peggiori con la Lazio) e a molti altri compagni. Come chiedevano i tifosi, la squadra ha messo in un cassetto orgoglio, ripicche e antipatie assortite per presentarsi compatta davanti all’obiettivo che per tutti è riconquistare la Champions”, si legge su Tuttosport.
“Molto del merito per quanto visto a Marassi va dato a Luciano Spalletti che alla vigilia aveva spiazzato tutti annunciando tanto la convocazione di Icardi, quanto il fatto che avrebbe giocato titolare. Un contropiede in piena regola, servito però per ammortizzare nel giorno di vigilia tutte le tensioni partorite all’interno dello spogliatoio per una scelta imposta dalla società che voleva chiudere una volta per tutte questa vicenda. L’allenatore si è allineato alla strategia di Marotta – altro grande vincitore della nottata – ma ha pensato bene di far smaltire gli effetti collaterali derivati da tale scelta nel lungo avvicinamento alla partita. Alcuni si sono ribellati, molti erano furibondi e tanti hanno chiesto spiegazioni: però, una volta arrivati al momento clou, ovvero la partita, in campo si è vista un’Inter inaspettatamente serena, essendo la decisione già metabolizzata dal gruppo. Questo ha fatto strada a un altro sentimento: nessuno voleva mostrare pubblicamente di remare contro e così – grazie a un’impensabile alchimia – la squadra si è magicamente ritrovata in campo e ne è venuta fuori una delle migliori partite giocate dall’Inter in stagione”, riporta il quotidiano.
1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13898642 - 2 anni fa

    Ma siamo sicuri? Se avete ragione si vedrà domenica!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy