FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Pazzini: “Inter, campionato ancora aperto anche in caso di sconfitta nel derby”

Getty Images

L'ex attaccante in passato ha vestito sia la maglia nerazzurra che quella del Milan: "Spero in una gara a viso aperto"

Fabio Alampi

Intervistato dal Quotidiano Sportivo, Giampaolo Pazzini ha parlato del derby di Milano in qualità di doppio ex di Inter e Milan.

Pazzini, come arrivano le squadre a questa stracittadina?

"Entrambe bene. Il Milan in campionato sta facendo cose straordinarie. L'Inter è un po' indietro, ma arriva da una vittoria in Champions con lo Sheriff che ha dato entusiasmo".

L'impegno europeo può influire sull'andamento del derby?

"Le coppe tolgono qualcosa, ma quando vai a preparare una partita del genere le forze vengono ristabilite. C'è talmente tanta motivazione e adrenalina che le fatiche scompaiono. In un San Siro pieno, col derby, sei carico".

Chi può essere protagonista, da una parte e dall'altra?

"In queste partite di solito sono i grandi campioni a fare la differenza. Punto sugli attaccanti. Ibrahimovic da un lato, un animale per queste sfide. Nell'Inter entrambi i titolari, Dzeko e Lautaro".

Che effetto fa vedere due come lo svedese e il bosniaco fare la differenza a quell'età?

"Stanno facendo benissimo. A me Dzeko è sempre piaciuto perchè è forte, ha qualità, fa gol, ma sa anche far giocare i compagni. Ibra penso sia qualcosa di clamoroso da vedere a 40 anni, con un tale rendimento e la cattiveria agonistica con cui affronta le partite".

Si aspettava di vedere il Milan a +7 sull'Inter, a questo punto del campionato?

"Mi aspettavo che andasse molto bene perchè il lavoro parte da lontano. Ormai da due anni stanno facendo cose straordinarie, ma uno score così è qualcosa di incredibile".

Tatticamente che partita si aspetta?

"Un Milan che vuole fare più gioco, che cerca di comandare la partita e un'Inter che allo stesso tempo cercherà di vincere. Spero che sia un bel derby, giocato bene, con due squadre a viso aperto".

Nel 2011 giocò un derby per lo scudetto dopo aver rimontato con l'Inter da -13. Una scofitta può eliminare i nerazzurri dal discorso scudetto?

"Noi ci credevamo. Lo spirito e la mentalità di quella squadra era vincente. Ci abbiamo provato fino alla fine, poi abbiamo perso il derby. Se dovesse vincere il Milan dieci punti sarebbero un gran margine, ma il campionato è lungo. Sarebbe ancora tutto in gioco".

tutte le notizie di