Piccinini: “Non potevo rifiutare la proposta di Sky. Inter, gap finanziario colmato. Per lo scudetto…”

Intervistato da Tuttosport, il giornalista Sandro Piccinini ha parlato della sua nuova esperienza a Sky e del campionato che inizierà oggi

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Intervistato da Tuttosport, il giornalista Sandro Piccinini ha parlato della sua nuova esperienza a Sky e del campionato che inizierà oggi:

«L’ultima mia prestazione è stata la finale del Mondiale dopo di che ho staccai la spina. Ne sentivo il bisogno, lavoravo da 18 anni, Mediaset tra l’altro non aveva preso i diritti Champions e mi piaceva l’idea di fermarmi dopo un evento importante. Ho così iniziato a fare molti viaggi, la mia grande passione per colmare un po’ delle mie lacune, dalla Cina a Cuba. Me la sono goduta. Mi sono arrivate proposte non molto convincenti, quindi è subentrato il Covid e poi ecco questa proposta di Sky molto stimolante a cui non potevo certo rifiutare. Sarò ospite fisso nel programma “Sky Calcio Club” di Fabio Caressa con un contratto di un anno come ho sempre fatto. Anche a Mediaset ero stato dipendente solo i primi anni. Poi mi dimisi per rinnovare di anno in anno per 20 anni. Mi piace l’idea, a fine stagione, di confrontarsi e capire se c’è ancora la voglia reciproca di continuare. Io poi sono restio agli impegni troppo lunghi».

Sarà l’anno del 10° scudetto di fila per la Juventus?
«Intanto vediamo il mercato cosa riserva entro il 5 ottobre. Io dico che la forza economica di una società è molto importante. Adesso la Juve inizia ad affrontare i primi rossi di bilancio, dovrà vedersela con una squadra come l’Inter che l’anno scorso ha chiuso a un punto e ha alle spalle una potenza economica. Il gap finanziario è stato colmato, quello tecnico quasi. Mi aspetto un braccio di ferro per lo scudetto».

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy