FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Polverosi: “Milan-Inter? Ibra e Dzeko avranno lo stesso problema stasera”

Polverosi: “Milan-Inter? Ibra e Dzeko avranno lo stesso problema stasera”

Il focus del noto giornalista sul Corriere dello Sport di oggi a proposito del derby di Milano

Daniele Vitiello

Milan e Inter di stasera mette a confronto i migliori attacchi del campionato. Primo quello nerazzurro (28), seguito da quello rossonero (25). I due terminali offensivi rappresentano il punto in comune delle due squadre.

Spiega Alberto Polverosi nel suo editoriale per il Corriere dello Sport: "Le due squadre hanno due modi diversi di spingersi in avanti e di arrivare alla conclusione, anche se un punto comune c’è: l’attaccante-regista, ovvero Ibra da una parte, Dzeko dall’altra. Tutt’e due ragionano in funzione della squadra e, allo stesso tempo, della porta avversaria. Lo svedese lo fa dall’alto del suo carisma, il bosniaco dall’alto della sua torre di controllo. Hanno il piede rapido e l’occhio svelto. Il milanista è oltre l’interista, lo dice la sua storia, ma in 90 minuti può succedere che il meno forte (comunque forte...) diventi protagonista. Dzeko ha segnato più del doppio di Ibra (7 gol a 3), ma in campionato ha pure giocato tre volte di più (773 minuti a 194)".  

I due bomber dovranno superare un ostacolo molto importante. Prosegue la riflessione di Polverosi: "Il problema di entrambi è il livello delle difese che incontreranno. Ibrahimovic, abituato ad approfittarsi del suo fisico dominante, s’imbatterà in avversari della sua stessa stazza, difensori abituati a continui e robusti corpo a corpo. Non gli verrà concesso niente di quanto non riesca a guadagnarsi con la tecnica. E anche sull’altro versante la partita di Dzeko sarà complicata dalla presenza di Kjaer, il difensore più rapido a capire e a interpretare i movimenti dell’avversario. Zlatan ed Edin avranno bisogno che i loro assistenti non siano vaghi come talvolta càpita. Leao, quando è in sé, quando è dentro la partita, può travolgerla; Lautaro Martinez, quando è in forma (e ora non è al top), può creare alla difesa avversaria perfino più problemi del suo partner".

tutte le notizie di