FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Inter, niente ritorni last minuti in vista del Napoli. I sudamericani giovedì ad Appiano

Getty Images

Non sarà come prima di Inter-Lazio, in questa sosta i nazionali disputeranno solo due partite e rientreranno per tempo per allenarsi

Andrea Della Sala

La Serie A si è fermata per la sosta nazionali e i giocatori hanno già raggiunto i ritiri delle proprie selezioni. Al rientro in Italia, l'Inter ripartirà con una sfida non semplice: a San Siro ci sarà la capolista Napoli. Non sarà, però, come per l'ultima sosta visto che tutti i nazionali rientreranno per tempo dopo questa sosta.

"Inzaghi e Spalletti potranno preparare Inter-Napoli di domenica 21 come si conviene, come merita una gara da scudetto. Stavolta, infatti, le sfide per ogni nazionale sono due, non tre come nell’intensissimo ultimo stop di ottobre. Ci sono 28 giocatori impegnati nelle qualificazioni mondiali ed equamente divisi: Inter-Napoli finisce 14 a 14. Cinque in totale, poi, gli azzurri campioni di Europa intenzionati a presentarsi in Qatar nel 2022: Bastoni e Barella hanno raggiunto Coverciano dalla Lombardia; Meret, Di Lorenzo e Insigne dalla Campania", si legge su La Gazzetta dello Sport.

 Getty Images

"Gli argentini nerazzurri, Lautaro più Correa, ad esempio hanno raggiunto Messi carichi come mai, nonostante i troppi rimpianti del derby di Milano. Stavolta li aspettano le due sfide più importanti e storiche di tutto il Continente: prima sabato a mezzanotte l’Uruguay del compagno Vecino. Poi l’eterna Argentina-Brasile, stavolta al Monumental di Buenos Aires. Si disputerà nella notte tra martedì e mercoledì, un’oretta prima dell’ultima partita dei due cileni, Sanchez e Vidal, a Santiago contro l’Ecuador. Alla fine dei conti, tutta la truppa sudamericana potrebbe quindi viaggiare già verso l’Italia mercoledì ed essere per la prima volta alla Pinetina il giorno dopo. Giovedì li aspetta una seduta di recupero, necessaria per riconnettersi con il campionato, poi resterebbero i due giorni per entrare nel dettaglio scudetto: non troppi, ma tutto un altro mondo rispetto all’ultima volta. Un mesetto fa Lautaro si presentò a Roma all’ultimo tuffo, giusto il giorno prima della Lazio, mentre la coppia cilena non fece neanche in tempo per sedersi in panchina", aggiunge il quotidiano.

 

tutte le notizie di