Ruben Sosa: “Inter il top in cui ho giocato, coi tifosi ero un tutt’uno. Le punizioni…”

Le parole dell’ex attaccante nerazzurro

di Marco Astori, @MarcoAstori_

“La squadra più forte in cui ho giocato. Mi sentivo tutt’uno con i tifosi e forse per quello che sono rimasto ancora affezionato a questi bellissimi colori”. Così Ruben Sosa in un’intervista concessa ai microfoni di Inter.it, uscita nel matchday programme di Inter-Genoa lo scorso novembre.

LE PUNIZIONI – “Il segreto? La verità è che a me piaceva tantissimo allenarmi. Restavo ad Appiano a calciare, calciare, calciare. Guardavo anche gli altri, come mettevano la palla: Enzo Francescoli, per esempio, era bravissimo e in Nazionale facevamo gare su gare. Quando il pallone era sui 30-35 metri, era la mia posizione preferita. Me lo facevo toccare e calciavo fortissimo. Boom”.

I MIGLIORI BATTITORI – “Metto Maradona, Roberto Carlos e Roberto Baggio. Diego aveva le mani al posto dei piedi, era incredibile. Se non faceva gol prendeva la traversa. Roberto Carlos aveva un modo di calciare potente e preciso. E Baggio, beh, lui la pennellava dove voleva, sul serio. Tutti e tre divini”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy