Sacchi: “Inter, spirito e feroce determinazione. Conte super, rianima i giocatori”

Sacchi: “Inter, spirito e feroce determinazione. Conte super, rianima i giocatori”

Della partita giocata dall’Inter a Praga contro lo Slavia ha parlato anche l’ex tecnico Arrigo Sacchi sulle pagine de La Gazzetta dello Sport

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Arrigo Sacchi

Della partita giocata dall’Inter a Praga contro lo Slavia ha parlato anche l’ex tecnico Arrigo Sacchi sulle pagine de La Gazzetta dello Sport:

“L’Inter vince a Praga dopo una partenza difficile, che ricordava l’andata. Nerazzurri con molte assenze, ma erano presenti il grande spirito e la feroce determinazione della squadra. Tutti hanno dato il cento per cento, giocando da eroi. Da sottolineare la formidabile prestazione di Lukaku e Lautaro, ma anche di Borja Valero. Conte è un grande allenatore: rianima i propri giocatori, che lo ripagano con riconoscenza. Antonio non è solo un motivatore, vive per il calcio e migliora partita dopo partita. È un fautore del “si può sempre fare di più” e la sua squadra continua a crescere. L’Inter ha sofferto nei primi 20-30’, ha colpito con Lautaro, ha incassato una botta terribile dalla Var, passando in 50” dal 2-0 all’1-1, ma non si è arresa. E poi è andata oltre a traverse e reti annullate. Resta ancora qualcosa da migliorare, in primis il possesso di fronte al pressing (in Europa tutti ti aggrediscono, anche le meno famose come lo Slavia). Gli uomini di Antonio poi dovranno essere più un blocco che si muove avanti e indietro senza portare gli avversari vicino alla propria area appiattendosi con 8-9 giocatori. E in fase di possesso meglio avere tutti gli undici che partecipano e non tenere preventivamente tre difensori contro due avversari in difesa. La partita decisiva sarà con il Barcellona di Messi, Suarez e Griezmann: più li terranno lontani dall’area meglio sarà. Nessuno si illuda che il Barça, già qualificato, non s’impegni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy