FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Sacchi: “Milan coraggioso ed “europeo”. Inter furba e paziente, ma ora deve…”

Sacchi: “Milan coraggioso ed “europeo”. Inter furba e paziente, ma ora deve…”

L'ex tecnico rossonero e ct della Nazionale analizza il derby di Milano giocato ieri sera: "L’1-1 ci può stare"

Fabio Alampi

Arrigo Sacchi, interpellato da La gazzetta dello Sport, ha analizzato il derby di ieri sera: "Milan e Inter hanno onorato l'importanza della partita, e questo è un dato da sottolineare. Il pubblico, che finalmente tornava a vedere dal vivo un derby, non si è annoiato e, credetemi, non è poco".

E lei come giudica il duello?

"Il primo tempo è stato molto divertente. Il Milan ha cominciato forte, ha spinto subito sull’acceleratore e ha tenuto ritmi che definirei “europei”".

In che senso “europei”?

"Nel senso che in Italia, generalmente, si va più piano, mentre nelle coppe, dove le squadre giocano in undici e non in sei o sette come fanno le nostre, si pedala a ritmi forsennati. E infatti il Milan è riuscito a pressare in zona offensiva e a rubare tanti palloni".

L’Inter, invece, che impressione le ha lasciato?

"Attesa e contropiede. Ha sfruttato gli errori dei rossoneri e ha colpito con i singoli che hanno maggiori qualità. I tre centrali difensivi, però, non partecipano quasi mai al gioco, e così si finisce per costruire la manovra in inferiorità numerica".

La qualità che l’ha colpita di più del Milan?

"Sicuramente il coraggio. E’ una squadra giovane, quella di Pioli, manca di esperienza e di malizia, però riesce a sopperire con l’entusiasmo. Vanno all’assalto, non hanno mai paura. E bisogna ammettere che questo coraggio è supportato da un’ottima organizzazione e da un collettivo molto compatto. Se ci avete fatto caso, nella prima parte di gara, quando i rossoneri hanno tenuto spesso il pallone, le distanze tra i giocatori erano minime: tutti vicini per aiutarsi, per garantire al compagno il passaggio semplice e per raddoppiare nel caso in cui gli avversari entrassero in possesso del pallone. Questo è un atteggiamento “europeo”".

L’Inter si è dimostrata molto paziente.

"Certo, paziente e furba. Quella nerazzurra è una squadra molto italiana. Il motto è chiaro: primo non prenderle. E poi si va via in contropiede. Ha elementi di ottima tecnica e di buone qualità fisiche, e alla lunga questi risultano decisivi. Però l’Inter dovrebbe avere più coraggio nei propri mezzi".

Ritiene che il risultato, alla fine, sia giusto?

"Il canovaccio è stato questo: una squadra, il Milan, ha cercato di promuovere il calcio e l’altra, l’Inter, ha cercato di fregarla. I singoli nerazzurri hanno avuto occasioni importanti, questo va ricordato, perché sul finire del primo tempo sia Barella sia Lautaro hanno sfiorato il gol. L’1-1 ci può stare, però se vogliono davvero diventare grandi, devono migliorare. Il Milan è sulla strada giusta. L’Inter sta facendo passi avanti e deve guardare di più al calcio internazionale".

Nel secondo tempo l’Inter è riuscita a mettere il muso fuori.

"E ha tenuto il Milan nella sua metà campo. Questo è dovuto al fatto che i rossoneri hanno abbassato il ritmo e hanno fatto un passo indietro. La squadra di Pioli, che ripeto sempre è molto giovane e inesperta, per adesso riesce a spingere forte per 60’: quando raggiungerà i 90’, allora per gli avversari sarà dura. Le sostituzioni nel Milan hanno cambiato l’inerzia e i rossoneri sono tornati a farsi pericolosi, mentre quelle dei nerazzurri hanno inciso poco".

Chi le è piaciuto nel Milan?

"Il portiere è stato bravissimo. E poi tutta la linea difensiva, tranne Ballo Tourè, mi ha convinto. Inoltre direi Tonali e Calabria, in grande crescita".

E nell’Inter?

"Il secondo tempo di Perisic mi ha impressionato, ha messo dei buoni palloni in mezzo all’area, mentre nella prima fase della partita era stato più timido. E poi Barella mi piace sempre, peccato si sia fatto male: spero non sia nulla di grave, e lo dico pensando alla Nazionale. Brozovic è sempre utile in mezzo: distribuisce, organizza e ruba palloni".

Che cosa le ha consegnato la serata di San Siro?

"Non proprio la bellezza assoluta, ma l’emozione. E’ già molto. E poi ho ammirato la correttezza dei giocatori. Poche proteste, tanto agonismo. In una partita così importante e così sentita non è facile vedere giocatori educati. A loro va un applauso".

In chiave-scudetto cambia qualcosa?

"Nulla. Il Milan è più avanti come costruzione di squadra. L’Inter ha uomini importanti in grado di risolvere le gare. Il Napoli ha pareggiato e dunque sarà una bellissima volata".

tutte le notizie di