Sconcerti: “L’Inter a Napoli ha buttato via due anni. Insieme di numeri due, progetto fallito”

Le bordate del collega nell’editoriale per il Corriere della Sera

di Daniele Vitiello, @DanViti
Il giornalista Mario Sconcerti

E’ molto duro il commento di Mario Sconcerti sull’Inter, all’indomani della sconfitta contro il Napoli, nel suo editoriale per il Corriere della Sera di oggi: “Inter a Napoli non ha perso solo una partita, ha buttato via qualunque cosa avesse costruito negli ultimi due anni. A Napoli si può perdere, ma non così e non quando a una giornata dalla fine il risultato conta solo per una squadra in campo. È stata una chiusura netta prima di tutto con se stessa. L’Inter non vuole essere squadra, non ci riesce. È sbagliata nella personalità e non ha abbastanza risorse tecniche per vincere da sola le partite. È un insieme di numeri due guidati da un altro ottimo frequentatore di quella zona. È una barca che non tiene il mare, non lo guarda nemmeno negli occhi. È una banda molto vanesia guidata da un ambiente terrorizzato dall’errore che sta dietro a tutto: il dovere di ripartire. Non è ancora fallita la stagione, ma è fallito il progetto. Non c’è mai stata crescita, un salto di qualità. Niente ha mai smosso questo convoglio pesante e lento, autoreferente, mai dentro il tempo, sempre in fuga nel futuro, che quando arriva non cambia mai il presente. Un’Inter sempre in battaglia con se stessa senza sapere mai chi vince alla fine queste battaglie, perché non c’è mai fine. La sconfitta di ieri non è illogica, è solo volgare. Segna il limite sudato, grassoccio, di tutta la squadra, di tutte le voci, di tutto il disordine che quotidianamente segue l’Inter come una nuvola cattiva”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy