Spalletti: “Mercato? Mi sono state fatte delle promesse. Chi non ha reso vada altrove”

L’allenatore nerazzurro ha parlato in conferenza stampa dal ritiro di Riscone di Brunico ed è stato chiarissimo in alcuni passaggi

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Una promessa è una promessa. Lui ne ha fatto una all’Inter, il suo obiettivo è riconsegnare il club nerazzurro “alla sua storia”, come ha detto nel giorno della sua presentazione ufficiale davanti ad una sala stampa gremita. Luciano Spalletti ha iniziato un nuovo capitolo della sua vita quel giorno e ieri ne ha cominciato la nuova stagione in quel di Riscone di Brunico. Dopo la sgambata di ieri e quella di oggi, il mister si è presentato nella sala stampa della sede del ritiro estivo, lontano dalla calura di Milano, all’ombra delle montagne del Trentino, ed ha parlato di una promessa che è stata fatta a lui.

L’ULTIMA CHANCE -“A me sono state promesse delle cose, se non vengono mantenute vengo qui e lo dico. Qualche giocatore che integri la rosa serve. Per molta gente dell’Inter, da me ai giocatori ai dirigenti, questa stagione è l’ultima occasione”, ha raccontato. 

TUTTE LE DICHIARAZIONI DI SPALLETTI NEL LIVE DI FCINTER1908 CON IL SUO INVIATO A BRUNICO

IL MESSAGGIO – Spalletti ha mandato anche un messaggio a chi con la maglia nerazzurra addosso ha finora scherzato: “Qualcuno è meglio che vada a giocare altrove perché da anni non rende quando dovrebbe. Qualcun altro lo inseriremo per rinforzare la squadra“. C’è da fare, insomma e non ci sono appelli che tengano. Perché, come dice l’allenatore dell’Inter, farne parte “ti perfora il cuore”. E’ ora che i cuori nerazzurri riprendano a battere come meritano.

OGNI RICHIESTA E’ D’OBBLIGO – Un’altra promessa, se non lo è poco ci manca, è quella che ha chiesto ai giocatori nerazzurri. Con la Roma ha conquistato la Champions e lui l’ha lasciata per allenare l’Inter, quindi tocca a loro ridargli la possibilità di giocare, nella prossima stagione, la più importante competizione europea. Sì, se proprio promessa non è, definiamolo allora obbligo. “Per allenare l’Inter ci ho rinunciato e ora i ragazzi devono ridarmela“, altro messaggio chiaro e tondo. La prossima stagione non sarà quella degli alibi: sono finiti tutti.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13192753 - 3 anni fa

    Grande!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13188603 - 3 anni fa

    parole sante di mister Spalletti …persone che non hanno mai reso devono essere allontanate… vale a dire almeno tre quarti della squadra… invece l’Inter cosa fa allontana Andreolli l’unico vero cuore nerazzurro ragazzo d’oro e professionista integerrimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy