Tardelli: “Si sospenda il campionato, è giusto. Con un po’ di ritardo Tommasi se n’è accorto”

Le parole dell’ex calciatore

di Marco Astori, @MarcoAstori_

“Lo dico da una settimana, e mantengo la mia posizione: secondo me bisogna sospendere il campionato, mi sembra giusto così”. Al telefono con l’ANSA, Marco Tardelli, campione del mondo 1982 e ora candidato alla presidenza dell’Assocalciatori, ribadisce la propria convinzione che non si debba giocare. Ma con Parma e Spal in campo ha vinto la lega calcio? “Ha vinto la lega a scapito dei calciatori – risponde Tardelli -, ma ci sono anche gli addetti ai lavori, quelle 500 persone che partecipano comunque a una partita anche se è a porte chiuse”. Però in Italia, Milano compresa, tante altre categorie continuano a lavorare nonostante tutto “E che vuol dire? – ribatte Tardelli -. Milano è zona rossa, da tutte le parti si stanno cancellando eventi, perché non vanno sospese le partite? Perché non sono stati interpellati i calciatori? qui si parla della salute dei giocatori e degli addetti ai lavori. Se poi succede qualcosa chi si prende la responsabilità? Ripeto, per me bisogna sospendere il campionato – conclude Tardelli -, e adesso sono contento che se ne sia accorto anche il presidente dell’Assocalciatori Tommasi, sebbene con un po’ di ritardo. Purtroppo abbiamo registrato ancora una volta la poca forza del sindacato dell’Associazione dei calciatori su questioni cruciali per questo sport e per il Paese”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy