Tomada: “Markovic? Gran talento, ma deve ancora crescere. Su Vrsaljko…”

Tomada: “Markovic? Gran talento, ma deve ancora crescere. Su Vrsaljko…”

di Francesco Parrone, @FrankParr

Lazar Markovic, è uno dei tanti talenti serbi sul quale l’Inter ha puntato l’occhio da diverso tempo. Attaccante classe ’94, Markovic è il punto di forza del Partizan di Belgrado, prossimo avversario dei nerazzurri in Europa League. In quella occosione i dirigenti di Corso Vittorio Emanuele avranno l’occasione di vederlo in azione da vicino, e perchè no, tentare di imbastire una trattativa. Per parlare della situazione, l’agente Fifa Federico Tomada, è intervenuto a IlSussidiario.net: “Markovic è un talento importante, basti pensare che Sinisa Mihajlovic gli ha fatto giocare le ultime due partite della Nazionale maggiore da titolare per tutti i 90′ minuti. Stiamo parlando di un giocatore duttile che in attacco può ricoprire più ruoli. Infatti può agire da seconda punta, da prima punta mobile e anche da terza punta in un tridente. Però ovviamente è un classe ’94 quindi deve ancora maturare”.

Markovic piace moltissimo agli uomini mercato dell’Inter e Tomada non crede che il ragazzo possa già giocare ad alti livelli: “Io credo che per lui sia più giusto un primo passaggio in un club europeo di medio livello, magari in un campionato impegnativo”.

Da un punto di vista di calciomercato però le italiane hanno un problema in più: “Il ragazzo è extracomunitario e questo è un problema per le italiane. Inoltre il prezzo del cartellino continua a crescere. Il Partizan Belgrado vorrebbe trattenerlo per qualche anno ma non so se questo possa essere un vantaggio per il club serbo. Penso che Markovic possa essere acquistato da qualche società spagnola o inglese, ma non parlo di primissimi club come Real Madrid o Barcellona”.

Tomada elogia anche un altro giocatore nel mirino dell’Inter. Si tratta del giocatore croato Sime Vrsaljko, terzino destro della Dinamo Zagabria che potrebbe essere l’erede di Maicon: “Partiamo con una premessa. Giocatori come Maicon ne nascono uno ogni cinque anni ma Vrsaljko può essere l’erede del brasiliano perché spinge molto, crossa bene e lo fa da ogni punto del campo. E’ un ragazzo che può diventare un grande giocatore. L’ostacolo principale però deriva dal fatto che la Dinamo Zagabria è una bottega molto cara”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy