Wanda Nara-Maxi Lopez, prima udienza del processo per il ‘caso telefonino’

Wanda Nara-Maxi Lopez, prima udienza del processo per il ‘caso telefonino’

A maggio ci sarà la seconda udienza con due teste per l’attaccante dell’Udinese

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Ieri nel Tribunale di Milano si è svolta l’udienza del processo tra Wanda Nara e Maxi Lopez; l’attuale compagna di Icardi è accusata dall’ex marito di aver pubblicato suoi dati personali come il numero di cellulare e l’indirizzo mail sui social, secondo l’accusa per trarne profitto procurando danno a Maxi. L’argentino, davanti al giudice Bulgarelli, ha ricordato come gli eventi lo abbiano danneggiato sia sotto l’aspetto professionale sia sotto quello privato in un momento della sua vita in cui stava ricominciando una nuova relazione. All’epoca vestiva la maglia del Torino (da gennaio) e insieme con il proprio agente conduceva in prima persona trattative per un suo eventuale trasferimento. Secondo Maxi, il contratto in essere con i granata era di durata semestrale e quindi in quelle settimane si sarebbe deciso il suo futuro. Da testimonianza, Maxi (che in un passaggio ha parlato di rapporti «ancora non buoni» con l’ex moglie nonostante recentemente i due abbiano pubblicato foto concilianti su Instagram) ha ricordato che visto il numero di chiamate ricevute da parte di sconosciuti (per complimentarsi, insultarlo o minacciarlo) fosse stato costretto a spegnere il telefono, precludendosi sviluppi della sua carriera dal momento che non sarebbe stato in possesso di ulteriori apparecchi.

Wanda insiste sul fatto di non aver procurato danno, Maxi Lopez aveva un agente che si occupava delle sue trattative e altri telefonini. Il prossimo 23 maggio ci sarà un aggiornamento: davanti al giudice compariranno l’agente di Maxi Lopez e l’attuale compagna.

(La Gazzetta dello Sport)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy