Zamorano: “Inter, con il Real puoi farcela. Oggi non decisiva, a San Siro sì. Nel ’98…”

Doppio ex di turno, il cileno dice la sua sulla sifda di questa sera

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Ivan Zamorano, ex attaccante di Real Madrid e Inter, ha parlato ai microfoni de La Repubblica della partita di questa sera. Lui che, il 25 novembre 1998, aprì le danze nella sfida vinta 3-1 dai nerazzurri di Simoni: “Che notte, troppe emozioni. Per il Real provavo affetto. Il mio presente e il mio cuore erano nerazzurri. E mettici le luci della Champions. Vincemmo con coraggio e con grinta. Con il gioco di Gigi Simoni, cui vorrò bene per sempre, e il genio di Baggio“.

Pensa che l’Inter questa sera possa ripetere l’impresa?
In Champions tutto è possibile. Non si vincono le partite con la storia e col blasone. Real e Inter, favorite, hanno enormi difficoltà. Oggi sarà un grande match. Al ritorno, a San Siro, sarà vita o morte“.

Qual è il suo pronostico?
Pareggio. Non vedo un favorito“.

Zidane ha ritrovato Hazard. Conte ha perso Lukaku. Quanto peserà la sua assenza?
Lukaku è importantissimo ma Lautaro, se sostenuto dai compagni, ha tutto per non farlo rimpiangere. Soprattutto se Sanchez sarà in condizione di giocare e passargli qualche buon pallone. Il Toro, come me, non è alto ma è forte anche di testa“.

Qual è il segreto per un buon colpo di testa?
Io da bambino mi esercitavo prendendo a pallonate il lampadario di casa per ore. Mamma non diceva nulla, sapeva che mi stavo esercitando“.

È stato più bello giocare con Butragueño e Laudrup o con Baggio e Ronaldo?
Nella lista metto anche Vieri. Fra tutti dico Ronaldo, il miglior n. 9“.

Lei gli cedette la maglia, facendo stampare sulla sua 1+8.
Un’idea di Mazzola, Moratti ne fu entusiasta. Io ci tenevo a regalare a Ronaldo la 9, loro volevano che io non la perdessi del tutto“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy