Zhang, l’Inter ha il suo numero uno. TS: “Ha rotto le barriere di Calciopoli quando…”

Zhang, l’Inter ha il suo numero uno. TS: “Ha rotto le barriere di Calciopoli quando…”

L’accurato ritratto di Tuttosport sul prossimo presidente dell’Inter

di Marco Macca, @macca_marco

Un ragazzo con la testa di un manager navigato, capace di portare modernità e futuro nell’orizzonte dell’Inter. Steven Zhang, prossimo presidente nerazzurro, ha mostrato a tutti che l’età conta fino a un certo punto se poi hai le capacità. Ha saputo muoversi con disinvoltura fin dal primo momento in un mondo pieno di insidie come il calcio italiano, ponendo ottime relazioni esterne con club rivali come la Juventus, superando anche i vecchi rancori di Calciopoli. Scrive Tuttosport:

Nella sua parabola nerazzurra per primo Zhang ha rotto barriere ancora figlie di Calciopoli presentandosi allo Stadium e conversando amabilmente a bordo campo con Andrea Agnelli (i due si trovano in sintonia su molti argomenti, il primo riguarda la necessità di “fare sistema” per contrastare le corazzate d’Europa), mentre nulli – forse per il curriculum non esattamente trasparente di Yonghong Li – sono stati i rapporti col fu Milan cinese. Con Elliott la musica è cambiata e non ci sarà da stupirsi nel vedere domenica Steven ritratto insieme a Gordon Singer al suo primo derby. Nel suo piccolo Steven è già un veterano e, battezzando la terza maglia del club – quella che riprende il simbolo della città e ha piazzato al centro piazza Duomo vista dall’alto – si è divertito a punzecchiare i cugini: “Solo noi siamo abbastanza sexy per Milano“.

(Fonte: Tuttosport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy