CorSera – Il 166 sintetizza il divario tra Juventus e Inter. “Ma la Cina spinge. E Suning…”

CorSera – Il 166 sintetizza il divario tra Juventus e Inter. “Ma la Cina spinge. E Suning…”

L’analisi del quotidiano milanese sulla sfida dell’Allianz Stadium

di Matteo Pifferi, @Pifferii

“Un numero, più di altri, sintetizza al meglio l’odierno divario tra Juventus e Inter: -166. È la differenza di titoli vinti tra giocatori bianconeri e nerazzurri. Una forbice larghissima, ingigantita dalla dittatura degli ultimi sette anni in campionato. L’arrivo di Cristiano Ronaldo, la scorsa estate, ha solo aumentato un gap difficile da colmare nel breve periodo. Uno spiraglio però c’è: il modello Inter. Se coltivato con pazienza è oggi l’unica alternativa plausibile al dominio bianconero”. Apre così l’articolo del Corriere della Sera in merito al confronto tra Juventus e Inter che si sfideranno domani sera a Torino. Il quotidiano milanese sottolinea come la compagine nerazzurra rappresenti, ad oggi, l’unica vera alternativa ai bianconeri. Sia sul campo, che fuori con l’arrivo di Suning che è “affamata di visibilità internazionale e vittorie.  Tutta la Cina spinge l’Inter, anche per assolvere una missione politica e assicurarsi il dominio nel calcio, lo sport che garantisce una risonanza mondiale e ha un impatto sociale elevatissimo. Juventus-Inter di domani è un antipasto sul futuro, una prima prova di forza”, sottolinea il quotidiano.

BISOGNO DI VITTORIE – L’Inter cercherà una vittoria che manca dal 2012 quando in panchina sedeva Stramaccioni. Sono passati sei anni ma i nerazzurri ci proveranno, anche per tentare di riaprire un campionato che sembra scritto. Si deve ricostruire l’abitudine alla vittoria in casa nerazzurra, mentre tra i bianconeri ci sono anche tre campioni del mondo (Barzagli, Khedira e Matuidi), oltre al cinque volte pallone d’oro Ronaldo. L’Inter ha invece veterani come Handanovic, Nainggolan e Icardi (nonostante i 25 anni) che mai hanno alzato un trofeo. La strada è giusta, ma ancora lunga, l’Inter peròèoggi in Italia quella più avanti tra gli inseguitori”, chiosa il Corriere della Sera.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy