Icardi, arriva la proposta di rinnovo dall’Inter. Ma c’è chi festeggia per la sua esclusione

Icardi, arriva la proposta di rinnovo dall’Inter. Ma c’è chi festeggia per la sua esclusione

Perisic e Brozovic sono tra quelli che non vedono bene il ritorno dell’ex capitano dell’Inter

di Andrea Della Sala, @dellas8427
In casa Inter continua il caso Icardi. Al momento non ci sono segnali distensivi e l’attaccante argentino continua a mantenere la sua posizione, senza cercare un chiarimento con il resto del gruppo. Presto l’Inter presenterà al giocatore una proposta di rinnovo, ma la situazione all’interno dello spogliatoio non è delle migliori. Ecco quanto si legge su Tuttosport:
“L’Inter nei prossimi giorni metterà sul piatto un contratto da 7 milioni fino al 2023, nel tentativo di ricucire il rapporto in vista anche delle prossime intense settimane di campionato ed Europa League. Wanda accetterà? Ieri intanto Icardi si è recato come sempre ad Appiano Gentile per svolgere le terapie al ginocchio destro dolente che lo sta convincendo a rimanere in infermeria dallo scorso 13 febbraio”. 
 

“Ma intorno alla vicenda Icardi ci sono numerosi effetti collaterali, quelli che riguardano gli attriti con alcuni compagni, in particolare i croati e i parenti. Per quanto concerne lo spogliatoio, a parole i giocatori dell’Inter sono in attesa di Icardi (ieri Skriniar prima delle gara ha ammesso: «Ci manca perché è un grande giocatore, lo aspettiamo»), ma nei fatti c’è chi, come Brozovic e Perisic, sta da giorni “festeggiando” l’esclusione dell’argentino. Ieri i due vice campioni del mondo hanno messo like a una pagina Instagram in cui veniva riportata la notizia di Dzeko nel mirino dell’Inter. Per non parlare del gesto di Perisic ieri sera in campo dopo il gol del 2-1 di Politano: l’azzurro ha esultato alla Icardi, con le mani portate alle orecchie e il croato gli ha dato uno strattone per togliere un braccio e gli ha borbottato qualcosa a muso duro”, riporta Tuttosport.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy