CorSera – Milinkovic, in Italia c’è solo l’Inter: cambia agente? Lotito chiede…

CorSera – Milinkovic, in Italia c’è solo l’Inter: cambia agente? Lotito chiede…

Il Corriere della Sera continua ad accostare il nome di Milinkovic Savic all’Inter. Marotta lo ammira da tempo

di Redazione1908
Milinkovic-Savic con la Lazio

Sergej Milinkovic Savic resta uno dei sogni di mercato di Beppe Marotta. Il centrocampista della Lazio è nuovamente alle prese con un caso di mercato, che potrebbe addirittura portarlo a cambiare procuratore. Il giocatore vorrebbe lasciare la Capitale ma l’addio è nuovamente complicato dalle richieste di Lotito e da altri intrecci legati alle squadre interessate.

Kezman, l’agente di Milinkovic- Savic, si muove ormai da oltre un anno per individuare una società d’avanguardia disposta a puntare sul suo assistito, il quale, benché legatissimo al procuratore, potrebbe alla fine cercare altre vie per trovare una soluzione, segnala il Corriere della Sera.

Le pretendenti“In primavera ha avuto più colloqui con la Juventus, con la quale ha anche raggiunto un’intesa di massima simile a quella che ha trovato il viola Federico Chiesa con lo stesso club bianconero: 5 milioni netti a stagione per 5 anni. Il problema è che poi il d.s. Paratici è riuscito a prendere lo svincolato Rabiot dal Psg e oggi, se Agnelli deve ipotizzare una follia e stanziare un extra- budget, potrebbe farlo solo per Pogba. In Italia l’unica potenziale acquirente sembra essere l’Inter, che però al momento è impegnata a risolvere altre faccende, scrive ancora il Corriere.

Il rischio – Il desiderio di Milinkovic rimane quello di andare altrove per continuare a crescere. Lotito chiede 100 milioni e il fatto che siano «trattabili» non è molto rassicurante, considerata la fermezza del presidente nelle trattative. Il rischio, chiude il Corriere, è che Milinkovic- Savic faccia la fine di quella che a Roma chiamano la «sora Camilla»: tutti la vogliono, nessuno la piglia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy