FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Eriksen e Perisic, rinforzi a km 0: Inter, il mercato fatto in casa funziona

Il danese e il croato, costantemente fuori dall'undici titolare nella prima parte di stagione, sono le nuove armi di Conte

Fabio Alampi

Protagonisti a sorpresa nel mese che ha segnato la svolta dell'Inter: Christian Eriksen e Ivan Perisic sono diventati i simboli della scalata nerazzurra, con la conquista del primo posto in classifica e i successi su Juventus, Fiorentina, Lazio e Milan. Rinascite tanto importanti quanto inaspettate, da due elementi da tempo nella lista dei cedibili e che, nel caso fossero arrivate offerte soddisfacenti, avrebbero lasciato Milano a gennaio. Due rinforzi a km 0, come scrive Tuttosport:

"Zero acquisti a gennaio? Nessun problema, l'Inter ha sfruttato al meglio il mercato di... febbraio. Nell'ultimo mese, infatti, Antonio Conte ha trovato in maniera ormai definitiva gli ultimi due tasselli che gli mancavano per avere una squadra se non perfetta, molto vicina a quella ideale. [...] A far svoltare l'Inter sono stati Perisic ed Eriksen, due giocatori che ovviamente facevano già parte dell'organico di Conte, ma che fino al termine del 2020 non erano riusciti a trovare né continuità di rendimento (il croato), né di impiego (il danese). Da alcune partite, però, ecco arrivata la svolta".

 Getty Images

Perisic, aveva ragione Conte

Conte lo aveva pensato fin dal suo arrivo all'Inter: Perisic ha tutte le qualità per trasformarsi in un esterno a tutta fascia. Quello da convincere, probabilmente, era proprio il croato, da sempre abituato a giocare in posizione più avanzata. La strada è stata lunga, ma l'Inter sembra aver trovato una soluzione allo "storico" problema del laterale mancino: "Perisic contro Lazzari e Calabria è stato perfetto: contro il biancocelesti è stato ordinato tatticamente, annullando qualsiasi velleità del rapido esterno di Inzaghi; contro il rossonero, invece, il croato ha usato l'arma dell'aggressività, lo ha puntato per tutto il match, costringendolo a rimanere sempre sulla difensiva".

 Getty Images

Cambia Eriksen, cambia l'Inter

Il percorso di Eriksen è stato ancora più tortuoso: arrivato lo scorso gennaio come il grande colpo di mercato che avrebbe dovuto garantire il salto di qualità ai nerazzurri, in poco tempo si è dovuto scontrare con le difficoltà del calcio italiano e con la rigidità delle idee di calcio di Conte, finendo ai margini del progetto interista. Oggi, con il suo definitivo inserimento nell'undici titolare, è cambiato (in positivo) pure il gioco dell'Inter: "Eriksen ha interpreto con le sue caratteristiche il ruolo di mezzala, mettendo in campo le richieste di Conte. Un mix che ha permesso all'Inter di avere maggiore qualità rispetto al solito, proponendo un gioco leggermente diverso, più imprevedibile, senza per questo rinunciare al pressing e al dinamismo".

tutte le notizie di

Potresti esserti perso