GDS – Perché la fake news su cessione? Inter in alto dà fastidio. Ecco la verità su piano Suning

Il direttore della Gazzetta dello Sport smentisce le indiscrezioni su Suning: “La cattiva informazione fa danni anche quando non è credibile”

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

Nel consueto appuntamento con la rubrica “L’ultima parola“, il direttore della Gazzetta dello Sport Stefano Barigelli ha parlato di Inter e delle ultime voci su una presunta volontà della proprietà di cedere il club:

Nel campionato più imprevedibile degli ultimi anni può succedere anche questo. Il club favorito per lo scudetto secondo i bookmaker, cioè l’Inter, sarebbe improvvisamente sul punto di essere venduto. Non è così che stanno le cose, ma la cattiva informazione fa danni anche quando non è credibile. É vero che la società nerazzurra spesso ci mette del suo nel piantarsi al centro delle polemiche, non in questo caso però. Vediamo come stanno le cose.

L’Inter costa molto e con il crollo dei ricavi subito dai club in tutta Europa determinato dalla crisi Covid, il problema si è appesantito. Per affrontare il nodo della liquidità l’Inter ha pensato, innanzitutto, di rivolgersi al mercato attraverso il finanziamento con un bond (obbligazione) o con l’ingresso di un nuovo socio, questa seconda ipotesi in subordine alla prima, anche perché non è facile da trovare qualcuno disponibile.

All’origine di tutto c’è il governo cinese che sta ripensando la propria strategia sugli investimenti esteri, ma la famiglia Zhang ha messo cifre importanti nell’Inter e non ha alcuna intenzione di mollare. Comunque non proprio ora, tra l’altro, che la squadra è tornata stabilmente a lottare per lo scudetto.

Getty Images

Non c’è alcun advisor a cui è stato dato un mandato a vendere. Operazione tra l’altro molto più che complicata. Questa la situazione. E’ il momento della stabilità, non della fuga. Sul come e sul perché un’informazione correttamente riportata dal Sole 24 Ore (rifinanziamento con i bond) si sia trasformata in una cessione c’è da riflettere.

Diciamo che Milan e Inter al comando dopo una decina d’anni che non si vedevano così in alto danno fastidio a tanti. Oltretutto il Covid ha creato un clima poco sereno attorno alle proprietà cinesi, non solo calcistiche, in tutto il mondo occidentale. Nei prossimi mesi la situazione sarà comunque più chiara, soprattutto saranno più chiare le intenzioni di Pechino. Perché quelle della famiglia Zhang sono chiarissime: tenersi l’Inter, allineando i costi (in primis gli ingaggi dei giocatori) ai nuovi ricavi“.

Inter, da Suning mandato a vendere? Festa: “Assolutamente falso, ecco come stanno le cose”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy