FCIN1908 Scouting – Bettella, difensore col vizio del gol che studia Nesta. Inter, ripensaci!

La rubrica sui migliori giovani del panorama internazionale curata da Fcinter1908

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Davide Bettella, Inter Primavera

In un calcio dove sempre più giovani riescono a imporsi e a far innamorare i propri tifosi, con le più grandi società pronte a sfidarsi a suon di milioni per accapararsi i migliori, Fcinter1908 vi propone ogni settimana un talento diverso, con un occhio di riguardo per i giovani di casa nerazzurra.

Uno dei progetti più ambiziosi e affascinanti del calcio italiano degli ultimi anni è sicuramente il Monza dello storico duo Berlusconi-Galliani, che hanno rilevato il club brianzolo con il dichiarato intento di portarlo per la prima volta in Serie A dopo anni di categorie inferiori. Il primo step è stato compiuto la scorsa estate, con il ritorno in Serie B a 20 anni dall’ultima apparizione. Il Monza si è poi reso protagonista di un mercato faraonico, mirato alla conquista immediata della promozione in A: tra i tanti volti nuovi spicca quello di Davide Bettella, difensore centrale classe 2000 arrivato in prestito biennale (con obbligo di riscatto al verificarsi di determinate condizioni) dall’Atalanta.

Davide Bettella
monzacalcio.com

CARRIERA – Cresciuto nel settore giovanile del Padova, nel 2014 approda all’Inter, che batte la concorrenza di numerosi top club italiani (Juventus e Fiorentina su tutti) e lo inserisce nel proprio vivaio. In nerazzurro si trasforma da centrocampista centrale a difensore, affermandosi come uno dei migliori talenti del nostro Paese ed entrando in pianta stabile nel giro delle Nazionali giovanili, giocando spesso e volentieri da sotto età. Nell’estate del 2018, dopo aver vinto da protagonista il campionato Primavera con l’Inter di Stefano Vecchi, passa all’Atalanta nell’ambito di una serie di operazioni legate all’arrivo a Milano dell’amico Alessandro Bastoni. Nel gennaio 2019 viene girato in prestito al Pescara, in Serie B, dove rimane un anno e mezzo e debutta tra i professionisti giocando da titolare pressochè inamovibile, prima della chiamata estiva del Monza.

CARATTERISTICHE – Difensore centrale che fa dell’anticipo la sua arma migliore, Bettella è in grado di tener botta sia contro avversari forti fisicamente che al cospetto di attaccanti rapidi nello stretto. Per eleganza nei movimenti e pulizia negli interventi ricorda Alessandro Nesta, il suo grande idolo e fonte di ispirazione insieme a Sergio Ramos. Forte di testa, bravo a leggere in anticipo le giocate degli avversari, abile con la palla tra i piedi, riesce a rendersi pericoloso anche in avanti sulle palle ferme, come confermato dalla recente doppietta messa a segno proprio contro il Pescara, sua ex squadra. Dotato di una forte personalità, nel corso della sua carriera ha giocato sia in una difesa a 4 sia in una a 3.

Getty Images

OPZIONE SCADUTA – L’Inter, che lo ha ceduto all’Atalanta nell’estate del 2018 per 7 milioni di euro, si era garantita un diritto di recompra valido per altri due anni, scaduto però negli scorsi mesi. Il club nerazzurro ha avuto il merito e la bravura di far crescere e lanciare tre dei migliori difensori centrali usciti dai settori giovanili italiani negli ultimi anni: se Bastoni (’99), formatosi all’Atalanta, è ormai una certezza per Conte (ma anche per Mancini) e Vanheusden (anche lui ’99) ha dimostrato doti fuori dal comune nonostante i tanti infortuni, Bettella (2000) è quanto di meglio si possa vedere oggi in Italia a livello di Under 21. Dalle parti di Interello erano certi su un suo futuro ad alti livelli e, c’è da scommettere, non si saranno di certo dimenticati di lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy