Icardi, Napoli pronto a offrire Insigne. Ma c’è un intreccio di punte e soldi tra Inter, Roma e Juve

Icardi, Napoli pronto a offrire Insigne. Ma c’è un intreccio di punte e soldi tra Inter, Roma e Juve

Intreccio di attaccanti tra Inter, Juve e Roma in questo mercato

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Icardi contro Higuain
In casa Inter continua a tenere banco il caso Icardi. L’argentino è fuori dal progetto di Conte e sembra avvicinarsi sempre di più un suo passaggio ai rivali della Juventus.
“Wanda Nara, moglie e manager di Icardi, due giorni fa ha visto il ds juventino Fabio Paratici a Ibiza. Appena il tempo di un ciao in aeroporto. Ma i contatti vanno avanti da mesi. La Juve sta forzando per portare a casa Mauro a poco prezzo, ed è probabile che l’Inter accetterà, pur di liberarsi dei guai che l’argentino ha portato in spogliatoio. La stessa Wanda – che ieri ha pubblicato su Instagram un video autocelebrativo in cui si qualifica «la manager più ambita» – all’Inter è vissuta come parte del problema. Antonio Conte ha convocato Icardi per il ritiro di Lugano, da lunedì prossimo. Teme che, se dovesse lasciarlo a casa, il giocatore potrebbe fare causa. Ma non vede l’ora di liberarsene. Soprattutto adesso, che servono soldi per comprare Lukaku (lo United chiede 70 milioni) e Barella. Il sardo ha un accordo con l’Inter, la Roma ieri ha ufficialmente rinunciato a competere, ma va pagato al Cagliari, almeno 40 milioni”, analizza Repubblica.
“Il sogno di tifosi e commercialisti, uno scambio Icardi-Dybala perfetto anche per i bilanci, sta evaporando: la Joya è principale testimonial, con Ronaldo, delle nuove maglie bianconere, e con l’avvento di Sarri è forse il giocatore che più di tutti può essere recuperato. Per Icardi, che non vuole lasciare l’Italia, c’è solo la Juve. Un piano B in Italia non c’è, non adesso almeno, anche se il Napoli a fine mercato potrebbe offrire in cambio Insigne”, aggiunge il quotidiano.
HIGUAIN – “La rivoluzione romanista di Gianluca Petrachi ruota proprio intorno a Gonzalo. Roma e Juve ne hanno già discusso, c’è già una formula su cui costruire un’operazione sulla carta impossibile. Perché Higuain guadagna 9 milioni netti, tutto compreso e ha un costo a bilancio di 18 milioni a stagione per altre due stagioni. Per andare alla Roma servirà spalmare quelle cifre su altri 2 anni, così da dimezzare i costi annuali. Alla Roma costerebbe così 4,5 milioni netti – circa 9 lordi – più altri 9 per il prestito, con diritto di riscatto fissato a 27 milioni, su cui le due società sono già d’accordo”.
DZEKO“Così costerebbe esattamente quanto Dzeko a bilancio, ossia circa 18 milioni all’anno. Per questo, come ha lasciato intendere Petrachi, l’operazione è subordinata alla cessione dello stesso Dzeko all’Inter, che garantirebbe 20 milioni da reinvestire in ruoli più strategici, come il portiere Pau Lopez (è lui l’acquisto imminente di cui ha parlato il ds). Tutto fatto allora? No, anzi. Il problema è lo stesso Higuain. «In Italia non giocherà con altre squadre che non siano la Juventus », ha detto il fratello Nicolas. In realtà, un modo per convincerlo a scegliere la Roma c’è: una buonuscita da 2 milioni di euro. La chiave di tutta l’operazione. Anche perché Higuain è convinto di potersi rilanciare con il maestro Sarri. La vera svolta arriverà solo quando sarà proprio Sarri – che ha promesso a Ronaldo di liberarlo dal “nemico” Gonzalo – a dirgli che per lui non c’è posto nella Juve del futuro”, chiude Repubblica.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy