Parma-Inter 1-2: De Vrij e Bastoni. Tornano i tre punti, Atalanta a distanza ma quanti rischi in difesa

Parma-Inter 1-2: De Vrij e Bastoni. Tornano i tre punti, Atalanta a distanza ma quanti rischi in difesa

L’Inter è di scena allo stadio Tardini dove affronta il Parma per la 28a giornata del campionato nazionale di Serie A

di Redazione1908

PARMA – Sembrava entrata in un incubo senza fine l’Inter e ne uscita improvvisamente senza quasi rendersene conto. Torna la vittoria in casa nerazzurra, ottenuta in rimonta su un buon Parma che tiene testa ai ragazzi di Antonio Conte trovando il vantaggio con Gervinho e rischiando dopo pochi minuti di raddoppiare con Cornelius. L’Inter non c’è, appare scarica, lenta e prevedibile nella manovra. Non gira Eriksen e con lui non girano le punte. Tanta manovra che però si infrange costantemente sul muro eretto in difesa dal Parma che poi è rapido e incisivo nelle ripartenze con Gervinho autentica spina nel fianco. Balla la difesa, il centrocampo cerca di fare il possibile ma i nerazzurri si accendono con l’ingresso in campo di Sanchez, nella ripresa, al posto di uno spento Eriksen. Il cileno sortisce il giusto effetto a dalle sue giocate nasce il pareggio dei nerazzurri che in pochi minuti agguantano il Parma e ribaltano il risultato trascinati da De Vrij e Bastoni.

I nerazzurri rimangono a distanza di sicurezza dall’Atalanta tenendo il passo per non perdere ulteriore terreno da Juventus e Lazio.

PARMA – Vietato sbagliare. In casa Inter ci sono pochi dubbi e soprattutto occorre una presa di consapevolezza che consenta all’undici di Conte (oggi squalificato) di invertire la tendenza se non vuol perdere ulteriore terreno da Juventus e Lazio (entrambe vittoriose con Lecce e Fiorentina). Turno di riposo per Bastoni in difesa, torna Godin e soprattutto si rivede D’Ambrosio. A centrocampo occasione per Gagliardini che farà coppia con Barella alle spalle di Eriksen. In attacco torna la LuLa con Candreva e Biraghi ad agire sulle corsie esterne.

QUESTE LE FORMAZIONI

PARMA (4-3-3): 1 Sepe; 16 Laurini, 3 Dermaku, 22 Alves, 28 Gagliolo; 33 Kucka, 21 Scozzarella, 19 Kurtic; 44 Kulusevski, 11 Cornelius, 27 Gervinho.
A disposizione: 34 Colombi, 92 Radu, 5 Regini, 7 Karamoh, 10 Hernani, 15 Brugman, 17 Barillà, 20 Caprari, 26 Siligardi, 36 Darmian, 93 Sprocati, 97 Pezzella.
Allenatore: D’Aversa.

INTER (3-4-1-2): 1 Handanovic; 2 Godin, 6 de Vrij, 33 D’Ambrosio; 87 Candreva, 23 Barella, 5 Gagliardini, 34 Biraghi; 24 Eriksen; 9 Lukaku, 10 Lautaro.
A disposizione: 27 Padelli, 46 Berni, 7 Sanchez, 11 Moses, 13 Ranocchia, 15 Young, 18 Asamoah, 20 Borja Valero, 30 Esposito, 31 Pirola, 32 Agoumé, 95 Bastoni.
Allenatore: Stellini (Conte squalificato).

Arbitro: Maresca.
Assistenti: Mondin, Prenna.
Quarto Uomo: La Penna.
VAR e Assistente VAR: Guida, Vivenz

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy