primo piano

De Zerbi: “Faremo tutto e di più per arrivare terzi. Differenze Conte-Inzaghi? Posso dire che…”

De Zerbi: “Faremo tutto e di più per arrivare terzi. Differenze Conte-Inzaghi? Posso dire che…”

Le parole del tecnico dello Shakhtar alla vigilia della sfida con i nerazzurri di domani sera

Redazione1908

MILANO - Vigilia di Champions League anche per lo Shakhtar di De Zerbi che domani affronterà al Meazza l'Inter di Simone Inzaghi. Il tecnico degli ucraini risponde alle domande dei cronisti in collegamento con la sala stampa dello stadio Meazza. FcInter1908 vi riporterà in diretta le parole dell'allenatore in vista del match di domani, gara importante per entrambe le formazioni.

Queste le prime parole del tecnico: "Domani sarà una gara difficile per tanti motivi, affrontiamo una squadra forte, in salute, con giocatori forti che giocano insieme da tanti anni, in uno stadio dove ci sarà tanto entusiasmo come domenica contro il Napoli. Vogliamo fare i punti che mantengono accesa la speranza di poter arrivare al terzo posto. Se non abbiamo ancora vinto è perchè non ce lo siamo meritato ma abbiamo fatto buone gare, contro Inter e Real possiamo anche perdere perchè sono di un livello superiore al nostro"

ASSENZE - "Domani mancheranno pedine fondamentali per noi e le caratteristiche della squadra cambieranno a seconda delle caratteristiche dei giocatori. Chi li andrà a sostituire è meno esperto in queste gare, la nostra identità rimarrà invariata, metteremo giocatori di qualità nelle migliori condizioni per poter esprimere quello che sanno"

PEDRINHO - "E' entrato sabato ha giocato 30 minuti non era brillante ma sta bene, vedremo se farlo giocare dal primo minuto, non ha male alla caviglia ed è una buona notizia questa"

PRESSIONE - "Onestamente non sento la pressione, o meglio, la sento sempre, contro tutte le squadre, indipendentemente dal palcoscenico, chi fa questo lavoro sa che la pressione è un elemento che devi saper gestire. In Champions ancora di più perchè il girone dura 6 partite e le ultime diventano tutte da dentro e fuori"

ALLENATORI ESPULSI - "In Italia ho fatto cinque anni di serie A e non sono mai stato espulso, è capitato domenica, penso di aver avuto anche dei motivi per i quali ero nervoso, posso rispondere per me, è stato un caso, vivo le partite con passione e trasporto ma non penso sia un difetto. Il calcio è passione, se mi togliete quella mi togliete tutto"

PARAGONE CON NAPOLI E SASSUOLO - "Nel calcio non ci sono tanti segreti, l'Inter ha battuto il NApoli con un grande gare, non so quanto possiamo assomigliare al Napoli e non credo si possano fare troppe analogie tra una squadra e l'altra"

INTER CONSAPEVOLE - "Ho dato un giudizio da esterno e me ne guardo bene, la gara col Napoli è una conferma di quanto pensassi prima, è andata sotto e ha ribaltato la gara con forza con tecnica organizzazione e mentalità. Il percorso fatto negli anni precedenti sia stato decisivo per ottenere questa mentalità"

DIFFERENZA CONTE - INZAGHI - "Credo che Inzaghi stia facendo molto bene, non è scontato quello che sta facendo, l'Inter era costruita bene, allenata bene, mantenere gli stessi standard è sempre difficile, lo ha dimostrato in campionato ma anche in Champions perchè col Real Madrid ha fatto bene nonostante la sconfitta"

tutte le notizie di