Libero – A Genova Icardi-Perisic-Nainggolan: dovevano trascinare l’Inter, ma…

I tre giocatori che non sono quasi mai riusciti ad essere in campo insieme erano stati scelti come fulcro nerazzurro

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Un nuovo inizio. Perché è un po’ questo il rientro di Icardi. Ci sono cose buone da tenere negli ultimi mesi, i punti fatti comunque o il derby vinto, ma ci sono cose da dimenticare: serate storte, polemiche, dichiarazioni velenose, un passaggio a vuoto lungo due mesi e che non ha fatto bene a nessuno sul pianeta Inter. Ne ha parlato anche Libero nell’articolo di Claudio Savelli: “Intanto l’Inter comincia a giocare il suo campionato normale. Icardi gioca e segna, soprattutto cerca e trova Nainggolan, creando l’asse su cui Spalletti aveva scommesso la stagione. Il belga indossa finalmente i panni del leader, dispensando indicazioni tattiche, incoraggiando i compagni e richiamandoli ad abbracciare Icardi, che a sua volta serve un assist a Perisic, con cui non andrebbe d’accordo. Tutto s’incastra perfettamente, solo in ritardo. L’Inter era costruita per essere trascinata da questi tre giocatori che non ha mai avuto insieme. Forse l’idea di fondo era corretta, il modo migliore e più rapido per avvicinarsi alla Juve. Con questa idea l’Inter torna infatti salda al terzo posto: sarebbe il miglior piazzamento da sette anni a questa parte. Come dire che non tutto è da buttare“.

(Fonte: Libero, 4-4-2019)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy