Navarro: “La rissa con l’Inter? Ci si ricorda di me solo per quello, vorrei cancellarla”

Navarro: “La rissa con l’Inter? Ci si ricorda di me solo per quello, vorrei cancellarla”

L’ex difensore del Valencia ritorna sul concitato finale della gara di Champions League del 2007

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Quelle immagini sono ancora bene impresse nella memoria degli appassionati di calcio internazionale: ottavi di finale della Champions League 2006/2007, l’Inter affronta il Valencia. Dopo il 2-2 di San Siro, i nerazzurri pareggiano per 0-0 al Mestalla e sono fuori dalla competizione europea: al termine della gara scoppia una clamorosa rissa in mezzo al campo, con diversi giocatori coinvolti. Dalla panchina valenciana si alza un giocatore, che si lancia nella mischia e colpisce in pieno volto Burdisso, rompendogli il setto nasale. Quel giocatore è David Navarro. Oggi 37enne, Navarro ha deciso di appendere definitivamente le scarpe al chiodo, salutando il suo ultimo club, l’Alcorcon.

Intervistato da Superdeporte, l’ormai ex difensore spagnolo è ritornato su quella sera di 10 anni fa: “La verità è che vorrei cancellare dalla mia carriera quella notte. Ero in panchina, con Del Horno, con Curro Torres, c’è stata una rissa e siamo intervenuti, ma in quel momento non ho pensato a nulla. Fu qualcosa di incosciente, ho visto che lui (Burdisso) si stava comportando come un pazzo, e chiaramente non ci ho pensato, è qualcosa che se ci pensi non lo fai. Ed è qualcosa che ovviamente vorrei rimuovere, soprattutto per l’immagine che dai. Non per le sanzioni, fui fottuto perchè mi diedero cinque mesi di squalifica senza poter giocare in nessuna competizione, ma per l’immagine che tu lasci. Non si parla di David Navarro per le partite che ha giocato, per quello che ha vinto, si parla di David Navarro per quella rissa con l’Inter. Se mi fa male rivedere quelle immagini? No, non mi piace guardarle. E mi vergogno di quello che è successo, ma ormai è andata…“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy