Beccalossi: “Sono pessimista, se l’Inter non sarà competitiva perderemo Icardi. Suning…”

L’ex calciatore nerazzurro ha parlato del momento del club e si è soffermato sul progetto a lungo termine della proprietà cinese

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

A Calcio & Mercato, su RaiSport, Evaristo Beccalossi ha parlato dell’Inter e ha parlato di diversi argomenti a cominciare da quello che sta facendo Suning per il club: “La proprietà è forte. Ma mi preoccupa l’impressione che siano cambiate le strategie. Io ero alla cena di Natale quando Steven Zhang ha parlato dell’Inter come di una situazione importante e ha detto che negli anni dovremo essere competitivi e fare un progetto sportivo. Detto questo avevo pensato che sarebbero arrivati 2-3 top player, ma la sensazione è che bisogna arrivare ad essere competitivi essendo bravi a scegliere bene i giocatori e attraverso l’autofinanziamento”.

-Che giocatore è Stefen de Vrij?

Mi piace come calciatore ma non ci dobbiamo dimenticare una cosa, che la prima cosa è andare in Champions League perché senza quella anche Mauro Icardi potrebbe andare via. E’ chiaro che la coppia de Vrij-Skriniar in mezzo sarebbe l’ideale perché credo anche che Miranda lasci Milano. Poi si dice che siamo senza soldi e si parla dell’arrivo di questo difensore e pure di Lautaro Martinez. Anche i tifosi hanno bisogno di chiarirsi le idee. 

-Icardi? 

La Champions secondo me è essenziale, Icardi poi va valutato. Lui sa fare gol quindi bisogna metterlo nelle condizioni di segnare. Non credo che abbia le caratteristiche del leader che prende in mano la squadra e risolve i problemi. Penso che se l’Inter non farà una squadra competitiva perderemo anche l’argentino che a quel punto potrà prendere in considerazione le richieste che arrivano dai top club. Non credo voglia proseguire o andare avanti se non ci sarà una squadra che può competere. 

(Fonte: RaiSport – inter-news.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy