Bucciantini: “Inter, gara con gli Spurs difficile da interpretare. L’attacco ha un limite”

Bucciantini: “Inter, gara con gli Spurs difficile da interpretare. L’attacco ha un limite”

Il giornalista ha analizzato su Skysport24 la sconfitta dei nerazzurri in Champions League

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Marco Bucciantini, negli studi di Skysport, ha analizzato la sconfitta dell’Inter in Champions contro gli Spurs. Ecco quello che ha sottolineato: «Il dovere l’ha fatto, la squadra di Spalletti ha interpretato bene la vita, aveva davanti due risultati, è arrivata a dieci minuti dalla fine alla qualificazione e dall’altra parte non c’era l’arrembaggio del Tottenham. Hai controllato bene i migliori giocatori, poi è successo che Pochettino ha messo in campo due titolari e hanno avuto impatto sulla partita. Sissoko ha giocato sempre in verticale, di slancio e di passaggio. Non hai capito il potere degli Spurs, era difficile interpretarla. La differenza reti premia il Tottenham e un gol a Londra andava ragionato. A volte le partite sono corrente che ti trasporta e l’Inter mi sembrava tirata dalla corrente, a volte però ti culla e ti annulla».

«L’Inter ha ancora il grandissimo vantaggio di poter giocare contro il PSV. Servono i giocatori che finora sono mancati? Borja Valero ha dato importanza alla partita dell’Inter, ha portato la palla nella metà campo del Tottenham e l’Inter è cresciuta di venti metri in campo e poteva anche spaventare l’avversario. E’ mancato il resto dell’attacco nerazzurro che quando la partita non c’è non sanno cercarla, se la partita c’è sanno giocarla straordinariamente, se non c’è fanno fatica a portarla da loro, è un limite. Questo è mancato. La partita del Tottenham è su un’azione che l’Inter legge male, quando parte Sissoko vanno tutti su di lui e nessuno va su un giocatore come Eriksen», ha aggiunto anche il giornalista.

(Fonte: SS24)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy