Crespo: “Il ritiro? È terribile, si crea un vuoto enorme. Nessuno ti capisce, è difficile…”

Crespo: “Il ritiro? È terribile, si crea un vuoto enorme. Nessuno ti capisce, è difficile…”

In una lunga intervista rilasciata al Clarìn, l’ex attaccante nerazzurro si racconta e spiega i motivi che lo hanno spinto a scegliere il Banfield

di Gianni Pampinella

Quello di cui ho bisogno è l’adrenalina“. Hernan Crespo è un tipo che ha le idee chiare, da sempre. Avrebbe potuto aspettare tranquillamente la chiamata di un club europeo, ma il Valdanito è uno a cui piacciono le sfide, ecco perché ha scelto di sedere sulla panchina del Banfield. Ironia della sorte lo stesso club dove ha giocato il suo grande amico Javier Zanetti, passato qualche settimana fa da Luis Guillón, la sua nuova casa per salutarlo e augurargli buona fortuna: “Il calcio è la mia passione, mi piace il lavoro che faccio, mi sono preparato per questo e se la proposta è seria perché no. Ecco perché ho scartato le opzioni che non mi convincevano“, dice Crespo in una lunga intervista al Clarìn. “Sapevi che un giorno saresti diventato allenatore?“, gli chiede il giornalista: “Sì, mi è sempre piaciuto: tattica, strategia, allenamento. Nello stesso momento mentre stavo giocando volevo che succedesse a me, desideravo non prendere prendere una valigia, andare, venire, oggi sono qui e domani da un’altra parte. Volevo vivere almeno due o tre anni di fila nella stessa casa È per questo che mentre facevo il corso per allenatore allo stesso tempo ho detto “Spero succeda”. Ho lavorato in televisione e intanto non succedeva. Ecco perché ho accelerato: sono andato a fare visita agli allenatori, ad ascoltare, a migliorare me stesso, a imparare e a vedere cosa c’è dall’altra parte della scrivania“.

Come hai vissuto il ritiro?E’ terribile, si crea un vuoto molto grande. Ma quello lo avevo deciso io e non me ne sono mai pentito. Sei abituato alle vertigini e la vita è un’altra cosaPerò c’p un lato positivo: si inizia a scoprire alcune cose, la cena con gli amici il sabato sera, andare a un battesimo, mangiare in famiglia la domenica. Ma manca qualcosa. In qualsiasi momento, quella pressione scompare. Nessuno ti capisce. Guarda una cosa: ci sono persone che vanno in pensione a 65 anni e si sentono strane. Si sentono a disagio perché vorrebbero andare al lavoro, continuare con la routine. Noi calciatori ci ritiriamo a 35, 36 anni. Ed è molto difficile essere pensionati a 36 anni. Dici “e ora? E ora cosa facciamo?”. C’è una vita davanti e affrontarla non è facile“.

Da allenatore tornano gli esami ogni domenica…E’ bello. Se volessi stare tranquillo, starei a casa mia. Sai com’è, ma ne hai bisogno. E quello di cui ho bisogno è di avere di nuovo l’adrenalina“.

I tuoi riferimenti?Mi piace la gestione del gruppo, molto vicino al giocatore come quella di Carlo Ancelotti, la metodologia di lavoro di José Mourinho e quella di Marcelo Bielsa che migliora individualmente ogni giocatore“.

L’Albiceleste: “Oggi il tecnico è Scaloni e devi rispettarlo. Ovviamente il modo di gestire la nazionale negli ultimi anni non è stato il massimo e quello che è successo con Sampaoli ha sorpreso tutti. Ora Scaloni ha questa possibilità e sta andando bene. Penso che con il passare delle partite, il desiderio dell’AFA fosse di cercare un altro allenatore. Non so quanto tu voglia andare e trovare qualcun altro. È difficile dire di no alla squadra nazionale. Penso che sia ora di mostrare quanto siamo seri. Se rispettiamo un’idea, un progetto. Dal momento in cui scegli qualcosa, è perché ti fidi di un’idea. È inevitabile che la Copa America sia un esame“.

Il Mondiale in Russia: “Non ero sorpreso. Come tifoso fa male, ma per un ragazzo che vive di questo e guarda il calcio da un certo punto di vista, capisci che non è sorprendente quello che è successo“.

L’ammirazione per Bielsa: “È una divinità. Hai visto la conferenza l’altro giorno quando ha mostrato tutto il tuo lavoro? Tu lo ami, lo odi. Benvenuti nel calcio di Bielsa che ti arricchisce. Che vi piaccia o no, Bielsa inventa. La verità è che nel mondo del calcio non ho mai incontrato qualcuno così“.

(Clarìn-La Nacion)

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy