Ex compagno di squadra di Conte, decisivo a San Siro: Mirante ferma la corsa dell’Inter

Il portiere giallorosso è stato il protagonista a sorpresa della sfida di ieri sera

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Antonio Mirante, Inter-Roma

Il migliore in campo di Inter-Roma è stato uno che, quella sfida, non avrebbe nemmeno dovuta giocarla: Antonio Mirante. Il portiere giallorosso, sceso in campo a causa dell’infortunio del titolare Pau Lopez, si è reso protagonista con diversi interventi prodigiosi, costringendo i nerazzurri alla prima gara stagionale senza segnare nemmeno un gol. Un autentico muro, di fronte a un allenatore, Conte, che fu suo compagno di squadra alla Juventus, come ricorda Repubblica:

Ora il primo posto dovrà difenderlo seduto davanti alla tv sul divano di casa. Quasi il contrappasso per un irrequieto come Antonio Conte, che le ultime energie della sua partita le ha spese per manifestare una frustrazione rabbiosa. Probabile che il destinatario del suo nervosismo che a fine partita quasi gli faceva dimenticare il consueto saluto al tecnico rivale, fosse un portiere di 36 anni che Conte ha conosciuto ragazzino nella Juve e che a San Siro non avrebbe nemmeno dovuto giocare. Oggi Antonio Mirante è l’uomo che ha interrotto la serie dell’Inter, sempre a segno in questa stagione, 19 partite di fila trovando almeno un gol, e che ha offerto alla squadra che aveva accompagnato anche in B – giocò 7 incontri con la Juve del dopo Calciopoli – l’occasione di tornare davanti.

Conte è stato il suo capitano fino al 2004, da terzo di una squadra che aveva già Buffon. E a cui oggi offre l’occasione insperata di un nuovo sorpasso in classifica. L’ultimo regalo alla squadra in cui è cresciuto. Mirante s’è preso la soddisfazione di fermare Lukaku e Lautaro, due che, prima della serata di ieri, in campo insieme marciavano al ritmo di un gol ogni 54 minuti“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy