Fair play finanziario, c’è un problema evidente: bisogna ridiscuterne perché…

Le regole del fair play finanziario non hanno permesso alle nuove proprietà di investire come avrebbero voluto

di fcinter 1908

L’edizione odierna del Corriere della Sera parla del Fair play finanziario e spiega come quest’anno il tutto potrebbe essere ridiscusso. Negli anni, scrive il quotidiano, i ricchi sono rimasti tali e gli altri non lo sono diventati.

È probabile che questo sarà l’anno di una ridiscussione del fair play finanziario. Lo ha in pratica annunciato Boban, vicepresidente della Fifa, nei giorni scorsi a Dubai, ne parla sottovoce tutto il calcio da molto tempo. C’è un problema evidente. Se la regola dice giustamente che non puoi spendere più di quanto guadagni, questo vuole anche dire che sarà molto difficile guadagnare di più senza poter spendere, nel senso di investire. Così in dieci anni il calcio si è cristallizzato. I ricchi sono rimasti ricchi, gli altri non lo sono diventati. Il risultato è un’europa dove vivono e vincono sempre le stesse squadre, sia in Champions che nei campionati. Fa eccezione in parte l’inghilterra perché ha una ricchezza diffusa grazie a contratti televisivi tre-quattro volte superiori alla media ed è l’unico movimento davvero vendibile in tutto il mondo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy