Gomez: “Contro van Gaal la mia più grande vittoria. La Fiorentina? A un giovane direi…”

Intervistato dalla Bild, l’attaccante ripercorre i momenti più importanti della sua carriera

di Gianni Pampinella

In una intervista rilasciata alla Bild, Mario Gomez ripercorre i momenti più importanti della sua carriera. In particolare l’attaccante ricorda un episodio con Louis van Gaal protagonista: “Voleva vendermi dopo la mia prima stagione con il Bayern, mi ha retrocesso all’attaccante numero quattro e ha detto che sarebbe stato meglio per tutti se fossi andato via. Quando poi sono andato da Karl-Heinz Rummenigge e Uli Hoeness con un’offerta del Liverpool, Hoeness mi disse: “Il mio istinto mi dice che devi restare!”. Diversi mesi dopo, van Gaal mi ha detto che capii che ero il suo attaccante numero uno. Questa è stata forse la mia più grande vittoria personale in carriera“. Guardando indietro, Gomez ammette che andare alla Fiorentina nel 2013 non è stata la decisione migliore: “Posso dirlo apertamente oggi e consiglierei ogni giovane giocatore: una volta raggiunto un top club, devi provare a rimanere in un top club. Una volta lasciato questo livello, sarà difficile tornare lì. Soprattutto se come me hai trent’anni. Con l’esperienza di oggi, sarei certamente andato in un top club assoluto e avevo anche delle offerte. A quel tempo, tuttavia, avevo deciso di andare a Firenze in tempi relativamente brevi. Il mio agente mi informò ripetutamente che anche i migliori club spagnoli, Real e Atletico Madrid, mi volevano. Una volta che sei abituato a vincere ogni settimana, odi e sei infastidito dalle sconfitte. E ovviamente ho perso di più con la Fiorentina che con il Bayern. Inoltre, l’infortunio è arrivato su entrambe le ginocchia, quindi sono stato fuori sette mesi. Alla fine della stagione ho visto la finale di Champions League sul divano dove il Real ha giocato contro l’Atletico e ho pensato: ‘Ho fatto tutto correttamente…’“.

“Oggi può sorridere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy