Laudisa: “Il mercato a campionato in corso crea problemi, non solo all’Inter”

Il giornalista della Gazzetta parla dei problemi che possono arrivare dal mercato di gennaio

di Gianni Pampinella

Dalle colonne de La Gazzetta dello Sport, Carlo Laudisa parla dei problemi che possono arrivare dal mercato di gennaio. “Quei calciatori con la valigia in mano, mentre i compagni scendono in campo, non sono uno spot per la Serie A. Avranno pure le loro ragioni e spesso il mercato è l’occasione per nuovi traguardi professionali o per uscire da situazioni complicate. E’ la ruota delle speranze (e delle ossessioni) che fa volare le contrattazioni e impenna (o deprime) i prezzi. Logiche ferree, inevitabili passaggi obbligati, con il rosario di incertezze per trattative lunghissime. Soprattutto con spiacevoli effetti sull’armonia degli spogliatoi e sulla stessa serenità delle tifoserie. Come prenderanno, ad esempio, ora gli interisti la voglia di fuga del croato Perisic, a caccia di un super-contratto? In generale si corrono rischi esagerati, tanto più perché basterebbe poco per evitare certe frenesie: limitare il mercato al periodo della sosta di fine anno. Anche il mondo della finanza, il regno del profitto, ha rispetto per determinate dinamiche. Non è mai bello scoprire che uno dei tuoi idoli ti volta le spalle. In particolare se ciò avviene in corsa: con forzature a volte sgradevoli. E gli allenatori si ritrovano a gestire casi bollenti. In campionato il Napoli ha dovuto rinunciare ad Allan, distratto dal corteggiamento del Psg. La Juve ha fatto i conti con le urgenze di Benatia attratto dai dollari del Qatar. Il Milan ha faticato a gestire l’ammutinamento di Higuain. Ora i casi Candreva e Perisic stanno condizionando non poco le scelte di Spalletti. E dell’a.d. interista Beppe Marotta, vale a dire il promotore in Lega del cosiddetto mercato breve. Il recente dietro front dei club sull’argomento è stato tutt’altro che unanime”.

(Gazzetta dello Sport)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy