Mura (Repubblica): “Dirigenza Inter, perfetta la risposta a Conte. Non si scordi che…”

Mura (Repubblica): “Dirigenza Inter, perfetta la risposta a Conte. Non si scordi che…”

I nerazzurri battono il Verona e riscattano il ko di Dortmund

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

L’Inter di Antonio Conte si riscatta dopo il ko in Champions League contro il Borussia Dortmund e supera in rimonta il Verona per 2-1, riportandosi al primo posto in cassifica in attesa di Juventus-Milan di questa sera. Gianni Mura, nel suo editoriale per Repubblica, commenta così il successo nerazzurro: “Per il 2-1 di San Siro partiamo dalla cosa migliore: il gol di Barella. A pochi minuti dalla fine toglie all’Inter l’incubo del pareggio. Specializzata in Champions nel farsi rimontare alla distanza, stavolta l’Inter rimonta, soffrendo come d’abitudine, ma aveva di fronte un Verona ben messo in campo da Juric e presto in vantaggio su rigore, quindi ancor più giustificato nel suo chiudersi a riccio. A secco le punte, provvedono i centrocampisti: Vecino, che sa sempre rendersi utile, incornando un bel cross di Lazaro, Barella alla Del Piero, destro a giro partendo da sinistra, dritto all’incrocio, ma tirando da fuori area. Una soddisfazione per la sua isola, per Mancini e anche, se vogliamo, una risposta a Conte, che nel dopo-Dortmund l’aveva tirato in ballo insieme a Sensi. Se avesse un temperamento meno fumantino, Conte poteva ricordarsi che mai, quando lui arrivò alla Juve, il Trap lamentò di doversi affidare a un giocatore che veniva dal Lecce. E comunque i due partiti da Cagliari e Sassuolo avevano il suo assenso, si suppone. Il carattere l’Inter l’ha mostrato. Ma l’assist più pulito per Lukaku, che sciupa, lo fa Amrabat, De Vrij sta crescendo come regista arretrato. Ma che lo sfogo in Germania fosse un discorso costruttivo non è credibile. Dopo il gol di Barella, la cosa migliore è la risposta pubblica della società a Conte. Non c’è stata. Appunto. È così che si costruisce“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy